Il Teatro Gassman si trasforma nel Paese dei Campanelli

La Compagnia Italiana di Operette presenta venerdì lo spettacolo di Carlo Colombo messo in scena per la prima volta nel 1923

La Compagnia Italiana di Operette presenta venerdì 14 gennaio 2011 alle 21.00 al Teatro Condominio Vittorio Gassman di Gallarate (Va) Il Paese dei Campanelli, spettacolo inserito nel cartellone della Fondazione Culturale 1860 Gallarate Città onlus.
 
Su musica di Virgilio Ranzato e Carlo Lombardo e libretto di Carlo Lombardo, l’operetta vide la sua prima esecuzione a Milano, al Teatro Lirico, il 23 novembre 1923 ed è ambientata in un’immaginaria isola olandese. Il Paese dei Campanelli deve il suo nome al fatto che su ogni casa c’è un piccolo campanello: la leggenda narra che se una moglie tradisce il marito, il campanello della casa in questione suonerà e tutti verranno a sapere che è successo. Tutto resta tranquillo fino all’arrivo di una nave militare inglese costretta all’attracco nel porto dell’isola per un incendio sviluppatosi a bordo. Gli ufficiali scendono a terra e…i campanelli iniziano a suonare, non senza gaffe ed errori. E non senza l’arrivo anche delle moglie degli ufficiali. E di altre gaffe…
A Gallarate la regia e le coreografie sono di Serge Manguette, direttore d’orchestra è Orlando Pulin, la direzione artistica di Umberto Scida che, in scena, interpreta La Gaffe.
 

I biglietti per Il Paese dei Campanelli sono in vendita al costo compreso tra i 24 e i 28 euro (21/25 i ridotti) alla biglietteria della Fondazione Culturale 1860 Gallarate Città onlus da lunedì a venerdì dalle 11.00 alle 14.00 e dalle 17.00 alle 19.00 in via Palestro 5 (Teatro del Popolo) e il sabato dalle 17.00 alle 19.00 in via Sironi (Teatro Condominio), prenotazione telefonica al numero 0331.784140 da lunedì a venerdì dalle 16.00 alle 17.00

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.