La prova per il palio? “Tiro dell’automobile”

L'originale tenzone verrà sostenuta dai partecipanti alle gare che incoroneranno il quartiere più “forte”

tiro alla funeUna volta era la fune, ma i tempi cambiano, e adesso è l’auto l’oggetto da “tirare” nei giochi all’aria aperta. L’idea è venuta agli organizzatori del “Primo palio cantun di Orino”, che hanno inserito il “tiro dell’automobile” fra le tre prove da sostenere per incoronare il quartiere più forte.
L’evento è in programma per domenica 16 gennaio e ad organizzarlo sarà l’amministrazione comunale e la parrocchia. Non mancheranno, certo, anche altre prove più “tradizionali”. Ci saranno infati anche una breve gara podistica a staffetta, giochi per i bambini, il taglio del tronco e, oltre al consueto incanto dei canestri, appunto un innovativo “tiro dell’automobile”. A chiusura della festa ci sarà da scaldarsi intorno al falò in Piazza.
L’intero ricavato della giornata sarà devoluto a favore del restauro della facciata della chiesa parrocchiale. (nella foto, uno scorcio del centro storico)

Ecco il programma della giornata:
Ore 10,00 Santa Messa
Ore 11,00 Gara Podistica a staffetta e giochi per bambini
Ore 12,00 Pranzo (su prenotazione, offerta libera a partire da euro 10)orino
Ore 14,00 Taglio del tronco
Ore 15,00 Incanto dei canestri e “tiro dell’automobile”
Ore 16,45 Canto del Vespro
Ore 17,15 Falò in Piazza e premiazione del “Cantun” vincitore

Come partecipare e altre informazioni:
a) per prendere parte ad una delle tre gare (staffetta, taglio del tronco o “tiro dell’automobile”) telefona subito ad un responsabile del tuo “Cantun” (vedi sotto);
b) per prenotare il pranzo chiedere informazioni in Comune:
per contribuire al restauro della facciata della chiesa è possibile partecipare al tradizionale incanto dei canestri e del carro di faggio.
Questi sono i quattro cantoni
colore GIALLO e denominato LAMBOSTER – CIOS.
colore ROSA e denominato SAN LURENZ – POZANELA
colore VERDE e denominato PEZZA – BREIRA
colore AZZURRO e denominato RUNC -SELVA.

Il pomeriggio sarà “riscaldato” da vin brulè, cioccolata calda, mondelle, panini e salamelle; il tutto allietato da alcuni musicanti della banda di Gavirate.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.