Lavori non pagati, protestano artigiani e imprenditori

L'appaltatore principale, Alfa Contract, e i subappaltatori chiedono di saldare i conti: hanno portato il loro appello fin dentro alla conferenza stampa

Lavori non pagati a Malpensa, l'appello di imprenditori locali e lavoratoriLa giornata d’inaugurazione, tra dichiarazioni ed elegante buffet, ha visto anche l’appello e la protesta di lavoratori e imprenditori locali che non sono ancora stati pagati. Fuori un gruppo di piccoli artigiani stranieri, subappaltatori, dentro nella conferenza stampa i soci della Alfa Contract, pool di imprese che ha costruito l’hotel e che si trova a gestire i ritardi nei pagamenti. «Denunciamo – ha detto per tutti Mario Gementi, rivolgendosi a Daniele De Gennaro – un fatto che non si è risolto, situazioni che sono forse nella normalità delle cose, ma che mettono in difficoltà». L’appalto per la costruzione dell’hotel, partito da 2,7 milioni, è cresciuto fino al valore di 3 milioni. Ma l’appaltatore e i subappaltatori dicono di vantare ancora un credito di 1 milione e 690mila euro. De Gennaro, pubblicamente, si è preso l’impegno di incontrare nel pomeriggio gli imprenditori locali. Fuori, sul piazzale tra i parcheggi e l’hotel, c’erano anche i subappaltatori, titolari e dipendenti di tre imprese – due egiziane, una rumena – con sessanta lavoratori. «Noi abbiamo ad esempio fatto le opere in cartongesso» ci spiega Hamid. «Le nostre aziende sono piccole, con quello che guadagniamo paghiamo solo gli operai». Niente margini significativi, per questo i mancati pagamenti hanno avuto un impatto pesante per i lavoratori e le loro famiglie. Che già in passato avevano occupato l’albergo quasi terminato, nel tentativo di sbloccare la situazione. Erano state fatte promesse, ma nulla è cambiato, almeno fino ad oggi, fino all’appello degli artigiani locali.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.