MagaCommunity, l’arte contemporanea va sul web

Il Maga organizza tre diversi cicli di conferenze. Tra le novità, un blog per continuare le discussioni nel tempo e una proposta nuovissima: le "lunch conference", visite in pausa pranzo

Al Maga le conferenze d’arte non finiscono in una sera, ma proseguono sul web, con un blog dedicato. È solo una delle novità del programma di incontri e conferenze messe in campo dal museo di Gallarate e presentato dalla direttrice Emma Zanella e dal personale scientifico del museo.
«Le conferenze – spiega Zanella – in parte coinvolgono le classi di tutti i cicli scolastici, in altri sono rivolte al pubblico adulto e di studenti universitario».
 
Tre i cicli previsti: gli incontro del “mercoledì contemporaneo”, previste alle 17 a partire dal 19 gennaio, sono dedicate all’introduzione dell’arte contemporanea e sono curate dallo staff scientifico del museo: «Quest’anno le conferenze saranno più brevi, un’ora circa, e saranno completate dalla possibilità di partecipare alle discussioni sul blog dedicato». Lo spazio web fa parte della MagaCommunity ed è accessibile dal sito del Maga. «Sarà un dialogo bilaterale – spiega Lorena Giuranna –, prima con l’incontro in museo poi con la possibilità di discutere sul blog, dove appariranno anche gli abstract degli incontri». Gli appuntamenti, in programma fino al 20 aprile, saranno dedicati a correnti, movimenti e linguaggi dell’arte contemporanea, dal concetto di informe e informale all’arte concettuale, dalla pop art alla fotografia.
 
Francesca Pasini – curatrice della mostra della collezione Consolandi in programma fino al 13 febbraio – animerà invece, con l’altra curatrice Angela Vettese, il ciclo “Mi tormento invano”, una serie di appuntamenti dedicati proprio al percorso del notaio milanese collezionista. «Paolo Consolandi – spiega Pasini – era un collezionista speciale, che aveva un dialogo diretto con gli artisti di cui acquistava le opere, di cui visitava le mostre». Tra gli ospiti degli incontri domenicali, dal 16 gennaio al 13 febbraio, ci sono critici, collezionisti e artisti, tra cui il direttore del GAMec di Bergamo Giacinto Di Pietrantonio e l’ex direttore della Tate Gallry Vicente Todolì. 
Ultima proposta, le “lunch conference”, appuntamento – come dice il nome – in orario di pranzo, il martedì dalle 12.30 alle 13.15. Ogni incontro sarà dedicato ad un’opera della collezione e i partecipanti avranno la possibilità di pranzare al museo, continuando a dialogare e confrontarsi immersi nell’arte. «Non è un modo di fare pausa pranzo, ma è un modo nuovo per visitare e scoprire il museo in modo diverso» conclude la direttrice Emma Zanella. L’appuntamento è accessibile su prenotazione.
 
Tutti i calendari delle conferenze si trovano sul sito del Maga

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.