Marco esce dal carcere: “Sono stanco”

Il giovane all'uscita dal carcere ha poca voglia di parlare. Il padre: "Ora ridategli l'onore"

“Non sono arrabbiato, voglio solo andare a casa, sono stanco”. Marco esce dal carcere alle 14 e 30 e non ha nessuna voglia di parlare. Va via da solo, a piedi, in via Crispi, e si rifugia a casa della nonna, poco distante. E’ provato per le tre notti passate in carcere, tra cui quella di capodanno, ma non vuole aggiungere nulla alla sua disavventura, se non che è estraneo ai fatti. Renzo Previati, da casa, ha una sola preoccupazione: «Spero che tutti adesso riconoscano la sua innocenza, e soprattutto che si impegnino a restituirgli l’onore perché mio figlio ha solo 21 anni, ha un lavoro, e tutti devono sapere che è stato arrestato per sbaglio. Credo vi sia stata una montatura politica dietro questa storia e che Marco è stata la vittima. Non aveva esplosivi e non è un anarchico, le accuse che gli erano state rivolte erano fuori luogo».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.