Metalmeccaniche varesine protagoniste a “Fornitore offresi”

Cinque imprese della provincia di Varese saranno protagoniste del salone della subfornitura meccanica che si terrà il 28 e 29 gennaio a Lariofiere

Sono cinque le imprese della provincia di Varese che prenderanno parte a “Fornitore offresi”, il salone della subfornitura meccanica organizzato dalla Camera di Commercio di Lecco, dal distretto metalmeccanico lecchese e dalle associazioni imprenditoriali del territorio (Api, Confartigianato, CdO, Cna, Confcommercio e Confindustria) in programma il 28 e il 29 gennaio nei padiglioni di Lariofiere a Erba.
La partecipazione di imprese dalla provincia di Varese è un dato nuovo rispetto alle scorse edizioni, ma non è l’unica novità. Per la prima volta saranno presenti a "Fornitore offresi" due importanti associazioni di livello nazionale: Anima (la Federazione che riunisce le principali Associazioni nazionali dell’industria meccanica varia e affine di Confindustria) e Assobagno (Federlegnoarredo), che, oltre ad avere un proprio stand, hanno collaborato ad organizzare un calendario di workshop dedicati agli espositori.
L’evento è distribuito su due giornate, in cui gli espositori avranno la possibilità di incontrare in prima persona i rappresentanti di medie e grandi aziende appartenenti a settori diversi da quelli in cui abitualmente operano, con l’obiettivo di raccogliere informazioni preziose per entrare in
nuovi mercati. «Investire sulle competenze è la chiave che proponiamo alle nostre aziende per uscire
dalla crisi – afferma Giovanni Pastorino, coordinatore del distretto metalmeccanico lecchese –.
Significa mettere a frutto la proverbiale flessibilità delle micro e piccole aziende per applicare ciò che
si sa fare a settori completamente nuovi. Distinguendo ciò che si produce dalle capacità messe in campo per produrre, si reinventa così il proprio mestiere per inseguire il mercato e le sue mutevoli necessità».
Alla possibilità di incontrare altre aziende subfornitrici, con cui avviare collaborazioni in una logica di
rete, si aggiunge quindi quella di creare sinergie con le medie e grandi aziende a capo di diverse
filiere. La formula di partecipazione per le aziende resta quella delle passate edizioni: stand pre-allestiti e a prezzi contenuti per consentire un’ampia partecipazione soprattutto delle micro e piccole imprese.
Le tipologie di lavorazioni presenti comprenderanno: le lavorazioni meccaniche conto terzi quali
tornitura, fresatura, tranciatura, imbutitura; brocciatura; lavorazioni dal filo; stampaggio a freddo;
lavorazione asportazione truciolo; minuteria metallica; molatura/affilatura utensili; lavorazioni di: foratura, filettatura, lucidatura; saldatura; brasatura; fresatura su tre e cinque assi; rettifica; elettroerosione; taglio laser, plasma, acqua; carpenteria; costruzione stampi: costruzione porta stampi; punzoni; matrici; coppie coniche; ingranaggi; stampaggi a caldo; trattamenti e rivestimenti superficiali: trattamenti termici in genere; bonifica; cementazione; trattamenti galvanici; trattamenti superficiali; rivestimenti metallo duro; finitura; verniciatura; sabbiatura; pallinatura; retrofitting macchinari; revisioni; lavorazioni meccaniche; lavorazioni speciali e di precisione; stampaggio materie plastiche e componenti plastici.
Oltre ai terzisti espositori, saranno presenti aziende in veste di sponsor: utensilerie e macchine per la
produzione; prove meccaniche, analisi metallografiche, aziende di servizi, istituzioni ed enti pubblici.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.