Nuovo punto prelievi alla Santa Maria

Una nuiova area più capiente e luminosa ospiterà da marzo gli oltre 400 utenti giornalieri che si sottopongonoall'esame del sangue. Sarà intitolata a Valcavi

A tre anni dall’inaugurazione del monoblocco e dal trasferimentodei suoi principali reparti, la clinica Santa Maria torna a ospitare servizi importanti per il cittadino.
Per 3 anni o poco più, dall’entrata in funzione del monoblocco di via Guicciardini, il Padiglione
Santa Maria, sede di alcuni dei reparti più sofisticati e tecnologici dell’Ospedale di Circolo, come la
neurochirurgia e la cardiochirurgia, è rimasto silenzioso e apparentemente addormentato.

Dallo scorso novembre, al piano meno uno, in locali completamente ristrutturati, ha trovato sede la
radiologia per esterni dell’Ospedale (con la sola eccezione della Risonanza Magnetica, che si trova
nel monoblocco). Le sale in cui si eseguono gli esami sono divise in settori a seconda del tipo di prestazione e contrassegnate da un colore diverso, evidente nella tinteggiatura delle pareti e nelle linee sul pavimento che agevolano i percorsi degli utenti. Accanto ad ogni sala diagnostica si trova la
rispettiva sala d’attesa, ampia e confortevole.

Proprio sopra alla radiologia, al piano terra del padiglione, da qualche settimana sono stati trasferiti
gli ambulatori di Ortopedia, la cui attività è fortemente interrelata con quella della radiologia.
Anche in questo caso, gli spazi sono stati oggetto di un significativo intervento di ristrutturazione.
Accanto agli ambulatori, è stato attivato un nuovo sportello CUP, in modo da ridurre la pressione su
quello di viale Borri.

Ma a far convergere al Santa Maria centinaia di persone ogni giorno (la media è di 400 utenti
al giorno) sarà l’entrata in funzione del nuovo punto prelievi: i lavori sono ormai in fase di
completamento e nelle prossime settimane saranno consegnati gli arredi. A marzo è prevista
l’inaugurazione di questa nuova area,
completamente rinnovata, ampia e luminosa. Due spaziose
sale d’attesa andranno a sanare una delle criticità più note dell’Ospedale varesino – l’attuale
struttura, non propriamente accogliente, del punto prelievi – offrendo agli utenti la possibilità di
attendere il proprio turno in un ambiente confortevole e colorato.
L’inaugurazione di questi nuovi ambienti all’interno del Padiglione Santa Maria offrirà anche
l’occasione per ricordare una delle figure più significative della storia recente del nosocomio, e non
solo: Giovanni Valcavi. A lui sarà intitolata quest’area.

“Ben conoscendo il ruolo svolto dall’Avvocato Valcavi come Presidente del nostro ospedale e
come promotore, animatore e realizzatore nel processo che ha portato alla nascita dell’Ateneo
dell’Insubria in città – ha dichiarato il Direttore Generale dell’A.O., Walter Bergamaschi – ci
è sembrato doveroso esprimere nei suoi confronti un segno di riconoscenza che contribuisca a
mantenerne vivo il ricordo. Ci è parso che l’area destinata ad ospitare a breve il nuovo Punto
Prelievi, accanto agli ambulatori di Ortopedia e allo sportello CUP, proprio in considerazione di
questi servizi e prestazioni, ben si adatti a questo scopo”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.