Pattoni: «Pagati gli steward, adesso voglio lo stadio pieno»

Scongiurato il rischio delle porte chiuse contro il Casale. Il segretario generale Iodice conferma l'avvenuto pagamento di parte degli insoluti. Attesa per l'annuncio ufficiale del passaggio delle quote

La Pro Patria ha scongiurato il rischio di giocare la partita di domenica prossima contro il Casale a porte chiuse. Massimo Pattoni, che dovrebbe formalmente oggi pomeriggio (martedì) acquisire le quote societarie della società calcistica bustocca da Savino Tesoro, ha provveduto al pagamento di una parte (circa 4.500 euro) della fattura da 6.300 euro alla società che fornisce gli steward, la Partis, che ieri aveva minacciato di non continuare la collaborazione a causa dei mancati pagamenti delle prestazioni pregresse.

A comunicare ufficialmente il pagamento sono sia Giuseppe Iodice, segretario generale della società biancoblù, che il neo-patron Massimo Pattoni il quale, mettendo a tacere le polemiche che circolano sul suo arrivo, ha chiesto a tutti i tifosi «di riempire lo stadio Speroni di pubblico». Pattoni ha anche ribadito che «il gruppo di imprenditori alle spalle è solido e pronto ad intervenire entro febbraio».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.