“Perché sparare contro un giornale comunale a costo zero?”

La risposta del referente di Italia dei valori, Giuseppe Reale”, alle critiche del centrodestra sul rinnovamento dell’informatore comunale

«È meglio non spendere nulla oppure 145mila Euro? Meraviglia lo spirito che guida i rappresentanti del centrodestra ora all’opposizione: l’importante è criticare e così ci si dà visibilità». È la risposta dell’Italia dei valori di cittadina alle critiche del centrodestra sul giornalino comunale “Saronno Sette”, recentemente rinnovato dalla maggioranza.
«La realtà dei numeri e dei fatti non conta, è facile mistificare, come il loro maestro nazionale insegna, raccontandoci che la crisi è alle spalle e che va tutto bene mentre la realtà, sotto gli occhi di tutti, è ben diversa – spiega il referente Idv Giuseppe Reale -. Meraviglia ancor di più apprendere, da loro stessi, che Città di Saronno, causa i costi crescenti, era già diventato un aperiodico ovverosia veniva pubblicato quando capitava o interessava. E quindi già loro avevano seguito la via del risparmio, limitato! Meraviglia altresì verificare come fosse un centrodestra che non sapeva fare, e, a quanto pare, non sa ancora fare i conti visto che a fronte di entrate pubblicitarie c’erano ben più consistenti uscite. Il bilancio per ambedue le pubblicazioni, negli anni dal 2006 al 2009, è sempre stato negativo per 36.000 euro/anno di cui ben 27.000 euro/anno per il solo Saronno Sette».
«Il passivo complessivo, al netto dei ricavi pubblicitari, è stato perciò di 145.000 euro nel periodo in oggetto di cui 110.000 euro imputabili al solo Saronno Sette. Ora abbiamo un settimanale che costa zero euro, e caso mai i signori Fabio Paticella, coordinatore di Unione Italiana, Fabio Mitrano, coordinatore del Popolo delle libertà non lo sappiano, zero euro di spesa è meglio di 145.000 euro per le casse comunali. In aggiunta il numero di pagine è raddoppiato non solo per qualche numero speciale ma per tutti i numeri. Ed allora verrebbe da chiederci, riprendendo un loro “leit motiv”, ma quali strade non ha asfaltato la loro amministrazione per poter sostenere la pubblicazione di detti periodici/aperiodici? Oggi quei soldi non ci sono più! Forse i signori Paticella e Mitrano non hanno ancora preso coscienza del fatto che il governo Berlusconi-Bossi ha ridotto di 950.000 euro i trasferimenti al Comune di Saronno per il 2011 ed altre riduzioni temiamo arrivino dalla Regione Lombardia. Vadano a verificare sul sito http://www.finanzalocale.interno.it/ser/riduzioni/lombardia.html ,se lo facciano anche tutti i cittadini, così potranno costatare come l’imprenditore di Arcore non mette le mani nelle tasche degli italiani».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.