Periferie più autonome dal centro con i “tempi della città”

Finanziamento di 85mila euro dalla Regione per il progetto del Comune che prevede la realizzazione di uffici decentrati, coordinamento e organizzazione attività

Giuseppe Nigro, assessoreMigliorare i tempi della città è possibile, anche nelle zone periferiche come il quartiere Matteotti e la Cassina Ferrara. Il progetto “Piano Territoriale degli Orari della Città di Saronno” è talmente piaciuto alla regione Lombardia che ha dato il massimo del punteggio, con un finanziamento per la sua attuazione di quasi 85mila euro, battendo città come Bergamo, Pavia, Cremona e Lodi.
Ma in cosa consiste il progetto sui “tempi della città”, già attuato dall’amministrazione Gilli per il centro? Significa ottimizzare i servizi creando una sinergia e un coordinamento comune, spiegano dal Comune, per evitare sprechi nelle risorse e soprattutto una maggior efficienza pubblica.

Il progetto prevede infatti molte novità. Per la Cassina Ferrara: apertura sportello comunale decentrato; predisposizione sala informatica; corsi di alfabetizzazione informatica; apertura sportello postale temporaneo; attivazione del servizio di Spesa a domicilio; attivazione taxi sociale; utilizzo palestre delle locali Residenze Socio Assistenziali; accordi di collaborazione con le associazioni; indagine, ricerche e approfondimenti settoriali; calendario delle attività del quartiere; festa di quartiere e realizzazione video e mostra fotografica.
Per il quartiere Matteotti: modifiche nell’apertura oraria delle strutture della Biblioteca Civica; miglioramento delle modalità di raggiungimento della Scuola Media "A. Moro"; calendario delle attività del quartiere; accordi di collaborazione con le Associazioni; indagini, ricerche e approfondimenti settoriali; festa di quartiere, mostra fotografica e video.
Il tutto con un costante monitoraggio da parte del Comune, per tutto lo svolgimento del progetto, che durerà circa 18 mesi.

«La scelta di indirizzare la progettualità e le risorse verso i quartieri Matteotti e Cassina Ferrara, quartieri periferici del territorio saronnese – spiega l’assessore Giuseppe Nigro -, rientra nella strategia della nuova Giunta di avvicinarsi alle zone periferiche della città, rispondendo alle carenze e al sotto-utilizzo dei servizi di questi quartieri, andando a trattare alcune questioni particolarmente problematiche che li riguardano, coinvolgendoli nella progettazione dell’utilizzo delle risorse del territorio e riducendo la dipendenza dai servizi del centro».
Secondo il sindaco Luciano Porro «i progetti che stanno vedendo la luce non sono della precedente amministrazione, questo è un atto di cui rivendichiamo la paternità. Un parto travagliato che ci riempie di gioia. Per altri progetti di attuazione del programma abbiamo bisogno di tempi più lunghi: quando i soldi non ci sono bisogna fare delle priorità come in una famiglia e come sta accadendo in tutti i comuni di Italia. È Inutile dire, come fanno altre forze politiche, che siamo immobili: stiamo facendo nonostante le difficoltà economiche comuni a tutti».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.