Poker De Luca, il Varese è campione d’inverno

Il Padova spaventa i biancorossi che riescono però a reagire a metà ripresa e dilagare nel finale. L'attaccante sale a quota 12 reti e traccia la rotta: “Era importante vincere, avanti così con il Milan”

Il poker dello scatenato De Luca rilancia il Varese Primavera che, dopo i due pareggi con Chievo e Udinese, torna alla vittoria superando il Padova per 4-1 e chiude il girone d’andata al primo posto della classifica, a quota 30 punti: la vittoria dell’Inter (1-3) in casa dell’Atalanta ferma i bergamaschi a quota 26 (con una partita in meno, con il Brescia, che verrà probabilmente recuperata in 2 febbraio) e permette alla banda di Devis Mangia di chiudere in prima posizione al giro di boa del campionato.
 
LA PARTITA –
Il primo tempo è un monologo del Varese, con De Luca che dimostra subito di essere in giornata: al 13′ Furlan, da centrocampo, calibra un lancio preciso per la “zanzara” che sbuca alle spalle della difesa ma viene fermato dalla coraggiosa uscita coi pugni, in tuffo, di Niero; al 18′ invece è Maio a servire a sinistra il numero 9 che, dopo aver superato Giannetti incrociando dal fondo, cerca il primo palo dove l’estremo difensore padovano arriva con la punta delle dita. Dopo i primi due squilli, al terzo tentativo De Luca fa 1-0 (22′): azione identica alla precedente, questa volta il rasoterra sul primo palo pizzica l’angolino alla destra di Niero. Poco più tardi il Varese sfiora il raddoppio con Furlan che crossa teso alle spalle della difesa e Niero che deve deviare con un riflesso il maldestro disimpegno di Giannetti, a un passo dall’autogol (25′). L’estremo difensore biancoscudato è davvero forte e lo dimostra al 34′ vincendo la prima sfida con Ferreira, il cui piatto teso e potente diretto dalle parti dell’incrocio viene spinto in angolo con un volo spettacolare.
Il Varese sembra in totale controllo del match e De Luca continua a tenere in scacco la retroguardia padovana, ma al 43′ gli ospiti trovano il pari: Toninelli riesce a chiudere sul taglio profondo di De Souza ma, al momento del rinvio, colpisce in scivolata Cristian Beccaro che guadagna con furbizia un calcio di rigore; dal dischetto De Souza spiazza Micai, fermando così l’imbattibilità del numero 1 biancorosso a 590′.
La ripresa riparte con gli stessi undici del primo tempo ma con umori invertiti. Il Varese appare in difficoltà per l’inaspettato gol del pari, e accusa ancor di più il colpo quando il mattatore De Luca viene ipnotizzato in uno contro uno da Niero (8′). Il Padova prova ad approfittarne, riuscendo però solo in un forcing: Drame batte tre calci d’angolo in fila, con il mucchio in area a disturbare Micai che deve togliere dalla porta i tentativi diretti dell’attaccante veneto. La preoccupazione viene però spazzata via al 26′: Barberis recupera palla a metà e scavalca i centrali avversari trovando De Luca che, questa volta, alza la traiettoria e col sinistro infila Niero per il 2-1 (nella foto di Fabrizio Riboni).
Sulla bilancia del match il piatto biancorosso diventa troppo pesante per gli avversari che, dopo l’ennesima risposta di Niero su De Luca, rimangono in 10: Drame viene espulso al 34′ per un fallo da dietro, commesso nella metacampo biancorossa, su De Luca lanciato in contropiede. I ragazzi di Mangia possono così dilagare: al 35′ la zanzara supera in dribbling Daniel Beccaro che lo stende in area, ma dal dischetto Niero vince ancora contro Ferreira volando sulla sua conclusione potente verso l’angolo di destra. Il risultato finale lo fissa allora De Luca che manda i titoli di coda al match trasformando due contropiedi in altrettanti gol. E’ la ciliegina sulla torta per la Primavera del Varese che festeggia così le 12 reti del suo attaccante insieme al titolo di campione d’inverno.
 
LE INTERVISTE – Nel dopopartita mister Mangia è generoso e concede ai taccuini il suo numero 9: “La partita di oggi era molto difficile perchè era la prima dopo la sosta – spiega Giuseppe De Luca -. Siamo riusciti a vincere ed è importante essere ripartiti da dove avevamo lasciato. Adesso dobbiamo proseguire, a partire dalla sfida di sabato prossimo contro il Milan”. Le parate di Niero nel momento più equilibrato della gara potevano essere dure da digerire, ma l’attaccante biancorosso ha saputo reagire e trovare la via del gol: “Quando si sbaglia tanto a volte può anche finire male, ma questa volta non è stato così. Sono contento per i 4 gol ma l’importante era vincere”. In chiusura sul Viareggio: “Non conosco Brugge e New York, ma è bello che sia uscita la Juventus: ce la giocheremo”.
Questo invece il commento di Devis Mangia sulla partita col Padova: “Abbiamo sbagliato un po’ troppe occasioni. Eravamo in controllo della partita e potevamo chiuderla prima, ma soprattutto potevamo non farla riaprire: sul loro pareggio abbiamo commesso un’ingenuità. C’è ancora da migliorare, ad esempio nella percentuale tra occasioni e gol”. Settimana prossima arriva il Milan: “I rossoneri verranno da noi dopo aver perso (contro il Brescia 1-2, n.d.r.) e non è una buona cosa: sicuramente ci sarà bisogno di una partita migliore di oggi sotto il profilo dello spirito e dell’attenzione”.
 
Varese-Padova 4-1 (1-1)
 
Marcatori: De Luca (V) al 22′ pt, De Souza (P) al 43′ pt su calcio di rigore, De Luca (V) al 26′ st, De Luca (V) al 40′ pt, De Luca (V) al 47′ st.
 
Varese (4-4-2): Micai; Serrano, Toninelli, Miceli, Marchi; Furlan (Lazaar dal 40′ st), Wagner (Capriolo dal 30′ st), Scialpi (Barberis dal 15′ st), Ferreira; De Luca, Maio. A disposizione: Belenzier, Saleri, Krasniqi, Romanini. All. Mangia.
Padova (3-5-2): Niero; Beccaro D., Girdvainis, Bilato; Giannetti, Tessari (Raffaelli dal 20′ st), Cavallini (Shahini dal 32′ st), Beccaro C.; Drame, De Souza, Talato (De Bona dal 32′ pt). A disposizione: Ruffato, Boscaro, Borol, Gramacci. All. Dal Canto.
Arbitro: Bruno di Torino (Pancrazi di Ragusa e Liturco di Collegno).
Note. Spettatori 100 circa, campo in discrete condizioni. Ammoniti: Maio (V), Beccaro D. e Raffaelli (P). Espulso: Drame al 34′ st.Angoli: 7-4; fuorigioco: 2-5; tiri (in porta): 22 (13) – 10 (6); recupero: 3′ + 5′.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.