Pullman urbani, da febbraio aumento del 10%

I tagli della Regione costringono a ritoccare i biglietti del trasporto Amsc: prima tranche ora, altro 10% a maggio

Aumenti in vista per i trasporti pubblici. E’ la conseguenza dei tagli del governo alle Regioni e applicati sia sul trasporto su ferro – i treni – sia su quello su gomma. Anche Amsc aumenterà il costo dei titoli di viaggio, in due diversi momenti: «A febbraio – spiega Nino Caianiello il presidente di Amsc spa – è previsto il primo aumento del 10%. È una scelta obbligata decisa dalla Regione, non si può fare altrimenti. Aumenteremo i biglietti e gli abbonamenti, ma salvaguardando anziani e portatori di handicap». Il ritocco delle tariffe è stato votato dal CdA dell’azienda e approvato poi anche dalla giunta comunale. In questo modo si prevede di recuperare nuove risorse per coprire il servizio, che non subisce tagli: le percorrenze infatti – conferma Caianiello – rimarranno le stesse, con 4 linee urbane e i servizi scolastici. Gli aumenti porteranno in questa fase i biglietti a 1,50 euro (era 1,30), il giornaliero 2,50 (anche qui +20 centesimi), abbonamento mensile 32,70 (+2,7). L’abbonamento per anziani sale da 18,50 a 20,30 euro.

Non è però finita qui: a maggio scatterà la seconda tranche di aumenti, un altro 10% sulle tariffe in vigore. Ma in questo caso i Comuni hanno un margine di manovra diverso, potranno scegliere con più libertà come applicare gli aumenti, ad esempio decidendo di rendere più convenienti i biglietti (e quindi l’uso saltuario del pullman) o, all’opposto, gli abbonamenti (favorendo quindi i cittadini "affezionati" al mezzo pubblico). La sfida di continuare a garantire i servizi sarà difficile, in tutte le realtà, non solo a Gallarate, non solo nel settore del trasporto pubblico, ma anche per altri servizi.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.