“Ridere in casa” un progetto per trasformare gli sprechi in risorsa

Il primo incontro, organizzato da legambiente, si terrà a Milano mercoledì 19 gennaio 2011 dalle 18 presso l'enoteca “Ligera” in via Padova

acqua in broccaOgni italiano trasforma in spazzatura 600 euro di alimenti all’anno. Comportamenti scorretti che hanno ripercussioni economiche e ambientali. Eppure il 56 per cento degli intervistati manifesta attenzione per il rispetto dell’ambiente, ma solo il 24 per cento dichiara di essere pronto ad intraprendere nuovi stili di vita che possano incidere positivamente nella lotta allo spreco alimentare.

Sono questi alcuni dei dati emersi da un sondaggio sugli sprechi alimentari promosso dall’Università di Milano-Bicocca, Legambiente Lombardia, Prothea e FEM2-Ambiente, spin off dell’Ateneo. L’inchiesta condotta su oltre 4000 cittadini è una delle tappe del progetto “Ridere in Casa” nato con lo scopo di ridurre gli sprechi domestici e tutelare i consumatori. Cosa significa infatti che un cibo scade? Quali sono gli obblighi di legge e quali invece le componenti biologiche che possono deteriorare un prodotto agroalimentare? Per rispondere a queste domande gli ideatori del progetto hanno avviato una serie di studi presso lo ZooPlantLab dell’Università di Milano-Bicocca che hanno portato alla redazione di una guida critica al consumo e ad organizzare incontri per discutere su come trasformare lo spreco in risorsa, educare a un consumo sostenibile e far conoscere l’importanza del cibo e dell’acqua. Verranno proposte inoltre nuove soluzioni per la conservazione dei prodotti freschi e sistemi alternativi di distribuzione.

Il primo incontro si terrà a Milano mercoledì 19 gennaio 2011 dalle 18 presso l’enoteca “Ligera” in via Padova, 133. Durante la serata i protagonisti del progetto, finanziato con il contributo della Regione Lombardia, spiegheranno il senso di Ridere In Casa e renderanno noti i dati emersi dal sondaggio on-line elaborato dal Dipartimento di Sociologia dell’Università Bicocca.

Durante gli incontri si parlerà anche del “Buono che avanza”, campagna dell’associazione Cena dell’Amicizia per diminuire gli sprechi di cibo nei ristoranti e di Imbrocchiamola, la campagna ambientalista che ha riscosso tanto successo tra i ristoranti milanesi che oggi servono, a chi ne fa richiesta, acqua del rubinetto in brocca. Grazie a questo progetto infatti, solo nel capoluogo milanese, sono state risparmiate oltre 835 mila bottiglie di plastica all’anno

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.