Sea: “Sulla terza pista dialogheremo con il territorio”

Il gestore aeroportuale risponde alle critiche di alcuni amministratori e dei gruppi di cittadini: "Sull'iter autorizzativo nessuna novità"

Terza pista di Malpensa, Sea: "volontà di dialogo con il territorio"«Sulla terza pista non c’è nessuna novità sull’iter autorizzativo, che deve essere condiviso con il territorio». Dopo le denunce dei gruppi ambientalisti e di cittadini e di una parte degli amministratori, Sea precisa che la volontà del gestore aeroportuale il percorso per la realizzazione della terza pista, come delle altre infrastrutture, sarà seguita passo passo nel confronto con le comunità locali. La società che gestice Malpensa fa notare infatti che il Contratto di programma tra Sea ed Enac, approvato nell’autunno scorso, definisce solo le opere principal per il futuro: il Master Plan presentato dal gestore serve ad individuare le prospettive e gli interventi previsti, condizione necessaria per ottenere da Enac la revisione delle tariffe aeroportuali, che sono inferiori del 40% rispetto alla media. «Ma questo non significa che ci siano novità nell’iter autorizzativo. Sea in questi anni ha sempre ribadito la sua volontà di dialogo: mai e poi mai bypasseremo il territorio»

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.