“Spesa per l’ufficio stranieri superflua? Affermazione razzista”

La risposta del consigliere del partito Democratico, Simone Galli, alle considerazioni della Lega Nord sul servizio comunale

Credo che la disinformazione e le sparate demagogiche, create ad arte per cercare facili consensi non servano a molto. La lega nord saronnese, perservera con pervicacia nella sua opera di attacco contro l’amministrazione comunale. Peccato che rischi di fare la figura di quel tale che indicando la luna con un dito, si soffermava a guardare il dito. Sul "Potenziamento" dell’ufficio stranieri, s’è già ampiamente detto tempo fa: giova soltanto ricordare che è gestito da professionalità interne al comune di Saronno (quindi da personale già in organico, va da sè che non ci sono extracosti per collaboratori nuovi); la Lega però non dice che la gestione dei rinnovi dei permessi di soggiorno dovrà passare in carico ai comuni, secondo il pacchetto sicurezza del Ministro Maroni (che mi risulta, sia leghista). Riteniamo sia un bene che il comune di Saronno si faccia trovare adeguatamente attrezzato.

La Lega (quanta memoria corta! O è malafede? …ai posteri l’ardua sentenza) omette anche di considerare i pesanti tagli che il governo (al quale mi risulta faccia parte) ha scaricato sugli enti locali; bell’esempio di federalismo e attenzione alle autonomie locali! E’ bene si sappia che il comune di Saronno ex art 14 comma 2 decreto legge 78/2010, avrà una riduzione dei trasferimenti per l’anno 2011 (Stato – Comuni) pari ad € 951.575,82. Non sono tagli di poco conto! Del resto è noto l’impegno dell’Assessore Valioni nel difficile compito di non trascurare alcun bisogno delle fasce sociali deboli. Ahimè, qualche volta si deve ridurre, non lo si vorrebbe mai e non è nemmeno detto che non si possa rivedere tali scelte quando ci saranno le condizioni. Ma nel caso del contributo per assistenza domiciliare agli anziani, s’è semplicemente confermata una riduzione che aveva operato il commissario prefettizio; in tempi già allora, di finanze non floride.

Affermare che la spesa per l’ufficio stranieri sia superflua è una affermazione razzista. Non dimentichiamoci che dietro ogni migrante c’è una persona, con la sua dignità, la sua storia, la sua cultura e che spesso abbandona il proprio paese per dare un futuro migliore a sè e alla sua famiglia. O forse ci dimentichiamo quando gli emigranti eravamo noi? Porre esplicitamente i cittadini italiani contro gli stranieri (o viceversa) va combattuto in modo fermo e deciso, non abbiamo certo bisogno di pericolose derive civile e culturali. Non serve la paura, occorre il dialogo, il rispetto delle regole, la condivisione,la solidarietà, l’integrazione. Cosa dovremmo fare secondo le magnifiche idee della lega? Ignorare i migranti? La politica ha il compito di dare soluzioni, affrontare e analizzare i problemi, governarli e non lasciarsi governare. Parlare "alla pancia" dei cittadini con slogan agitando spauracchi è una politica di corto respiro che non aiuta a comprendere e affrontare i problemi. Una politica che mai come in questo momento, fatto di nani e ballerine, sta dando il peggio di sè. Noi si cerca, con umiltà e determinazione, di fare del nostro meglio.  

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.