Stewart aggredito allo stadio, al vaglio le immagini degli ultras

Proseguono gli accertamenti della Digos di Piacenza in collaborazione con i colleghi di Varese che sta cercando di identificare i sostenitori biancorossi responsabili degli atti violenti lo scorso sabato

Proseguono gli accertamenti della Digos di Piacenza che sta cercando di identificare i tifosi del Varese che hanno aggredito a calci e pugni uno steward dello stadio Garilli durante la partita di sabato pomeriggio fra Piacenza e Varese. La polizia è fiduciosa sull’esito degli accertamenti, concentrati sui filmati delle videocamere a circuito interno dello stadio e sulle indicazioni dello steward aggredito e medicato al pronto soccorso con cinque giorni di prognosi. Grazie ai filmati è stato composto un album fotografico attraverso il quale la polizia conta di potere attribuire le responsabilità dei disordini avvenuti sabato sul rettilineo di gradinata. È stata richiesta la collaborazione della Digos di Varese per identificare i responsabili dell’aggressione. Emergono nuovi particolari sui fatti di sabato: gli stewards aggrediti sarebbero due, uno dei quali non avrebbe sporto querela né si sarebbe fatto medicare in pronto soccorso. Secondo quanto ricostruito, i due addetti alla sicurezza sarebbero stati raggiunti da calci e pugni sferrati da alcuni dei sostenitori del Varese senza tessera del tifoso. L’aggressione si è verificata nel corridoio che porta alla gradinata, subito dopo i tornelli. Una volta analizzate le foto ed individuate le responsabilità ci potrebbero essere numerosi Daspo ed alcune denunce. Ulteriori novità sono attese per la giornata di martedì 11 gennaio.

Galleria fotografica

Scontri allo stadio a Piacenza 4 di 8
di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 gennaio 2011
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Scontri allo stadio a Piacenza 4 di 8

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.