Teatro Zattera, da vent’anni sul palcoscenico

La fondazione culturale Zattera, domenica 23 gennaio, festeggia l'importante compleanno guardando al futuro. «Nuovi progetti per il futuro e tanta qualità»

Vent’anni di teatro e non sentirli. La fondazione culturale Zattera domenica 23 gennaio festeggia il compleanno guardando al futuro. Lasciati da parte i ricordi, ha deciso di celebrare l’importante traguardo proponendo nuove iniziative: il teatro musicale per ragazzi, la collaborazione con compagnie di tutto il mondo e momenti di solidarietà.
Per capire il motivo per cui il teatro Zattera piace così tanto, ripercorrere parte della sua storia è un passo obbligatorio. Partiamo quindi dagli inizia: fondata da Martin Stigol nel 1991, la compagnia teatrale apre la sua prima sede in via Monte Golico, «ex sede di Lotta Continua», si trasferisce poi alla Coopuf di Via De Cristoforis e oggi ha anche una sede operativa a Gurone di Malnate.
«Dall’Argentina sono venuto in Italia per fare un corso di teatro in una scuola di Milano e la vita mi ha tenuto qui. Ho continuato a studiare, fare stage e scuole, poi ho conosciuto Varese. La città mi è piaciuta e mi sembrava l’ideale per fare teatro – racconta Martin -. Non è stato semplice come immaginavo ma, guardandomi indietro, posso dire che abbiamo fatto molto». L’idea iniziale di Martin era quella di organizzare corsi di teatro sperimentale per adulti e di creare una compagnia. Successivamente ha dovuto cambiare idea, «era impossibile e ho scelto di occuparmi di teatro per ragazzi». E le cose sono andate alla grande perchè, la fondazione Zattera, è una realtà conosciuta in provincia e con collaborazioni in tutta Italia, lavora nelle scuole e ha della produzioni proprie. «Abbiamo creato circa venti spettacoli- continua Martin -. Le produzioni nascono in diversi modi, dal recupero di una fiaba come per "Hansel e Gretel" o da esperienze reali come per "Distrattamente". Sono spettacoli che nascono da quello che il gruppo ha voglia di creare (con Martin lavorano da anni Noemi, Lucia e Marisela». Ma quanto è cambiato il teatro ragazzi in questi vent’anni? «Molto, richiede più attenzione e qualità perchè è cambiato il pubblico. I genitori e i bambini fanno fatica a capire che non sono davanti alla televisione o al cinema. Appena finisce lo spettacolo si alzano e vanno via mentre potrebbero conoscere gli attori e fare domande». Un teatro, quello dei ragazzi che richiede, «passione e impegno. Bisogna invogliare i bambini ad ascoltare e creare una continuità con loro». E allora, via con i progetti per il futuro perchè, per i prossimi vent’anni Teatro Zattera, «lavorerà molto sulla comunicazione, sul rapporto dei ragazzi con il teatro e con la musica. Abbiamo già lavorato su questo perchè i bambini di oggi sono gli adulti di domani e, andranno a teatro? Spero di si».

Galleria fotografica

20 anni di Zattera Teatro 4 di 19

Il programma di domenica 23 gennaio, al Teatro Nuovo di Viale dei Mille a Varese.
- ore 15.00 – Concerto musicale e teatrale
“Musica, Maestro!” con Corpo Musicale Santa Cecilia e Progetto Zattera
Direzione F. Tallachini
Un’avventura sonora nella quale, linguaggi e forme, si mescolano in una
narrazione di storie, scherzi e frammenti per attori e orchestra di fiati.
– ore 15.30 Merenda di biscotti e marmellata per tutti!
– ore 16.00 – “Da grande vorrei essere …”
con Teatro Xire (Brasile) – Spettacolo di teatro danza
Jujuba di Morango è un personaggio divertente, un po’ clown e un po’ buffo.
Lei, con il suo simpatico modo di fare, cerca un luogo per la sua rappresentazione
di danza perché da grande vuole far la ballerina.

Ingresso intero evento Eur. 6,00
Cinema Teatro Nuovo, Viale dei Mille, 39 – Varese
Informazioni e prenotazioni www.progettozattera.it
Tel. 349/3281029 e-mail: zatterateatro@aliceposta.it

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 gennaio 2011
Leggi i commenti

Galleria fotografica

20 anni di Zattera Teatro 4 di 19

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.