Tra i “bigliettini” per il santo spunta anche una libreria

Nella mattina di sabato, tra il materiale donato per la pira, i Monelli della Motta hanno trovato del materiale molto particolare: una libreria intera, con il nome del fidanzato da sposare.

Evidentemente un semplice biglietto da lanciare nel fuoco, secondo lei non sarebbe bastato: così la ragazza (anonima, perchè ci teniamo che si avveri il suo desiderio) ha deciso di mettere il nome del ragazzo che vuole sposare addirittura … su una libreria.

E’ quello che hanno trovato i Monelli questa mattina, 15 gennaio 2011, tra il materiale per allestire la pira del falò: una libreria, di quelle montabili, con un gigantesco nome scritto sul retro.
Secondo indiscrezioni pare che l’intraprendente aspirante sposa abbia così risolto un vero e proprio ”divieto di lancio del bigliettino” da parte del fidanzato, che – conoscendo l’efficienza del santo – l’anno scorso le ha fisicamente impedito di procedere all’invio del desiderio nel falò.
Quest’anno la ragazza avrebbe quindi rimediato con tentativo più ambizioso, e un’offerta che i Monelli non hanno potuto rifiutare: del legno (e tanto!) per completare la pira, accuratamente compilato con tutti i riferimenti dello sposo recalcitrante.
Ora a Sant’Antonio non resta che provvedere.
Con la speranza che l’anonima aspirante sposina ci racconti poi, l’anno prossimo, se la sua fantasia e caparbietà hanno dato, con l’aiuto del santo, buoni frutti….

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.