Un aeroporto da 32 milioni di passeggeri

Le previsioni di Sea: soprattutto dal 2015 l'espansione del traffico sarà concentrata su Malpensa. Nel 2020 ipotizzati quasi 300mila voli all'anno, tra decolli e atterraggi

Un aumento di traffico passeggeri superiore al 75% entro il 2020: questa è la previsione di Sea per i prossimi 9 anni su Malpensa, nello studio connesso al Contratto di Progetto. Una crescita che secondo il gestore aeroportuale necessita di potenziare notevolmente l’aeroporto, con la costruzione della terza pista e di altre infrastrutture, anche mediante l’ampliamento del sedime aeroportuale.

Malpensa, +50% del traffico cargo entro il 2020I numeri: per il traffico passeggeri, oggi attestato a quota 18milioni 896mila, si prevede di arrivare a 25 milioni 918mila nel 2015, con una prospettiva di crescita ulteriore fino a 32 milioni nel 2020.
Per le merci invece si prevede di passare da 407mila tonnellate di oggi a 482.250. Ma il vero boom è previsto per i cinque anni successivi: si punta ad arrivare nel 2020 a quota 662.868 tonnellate, con un aumento complessivo che in nove anni sarebbe di quasi il 50% e che dovrà essere presumibilmente sostenuto anche da una ampliamento successivo delle aree cargo.
Ma quanti saranno i voli? L’analisi dei movimenti su Malpensa (decolli più atterraggi, compresa l’aviazione generale, cioè gli aerei più piccoli) ipotizza una crescita dagli attuali 194.519 movimenti annui a 270.883 nel 2015 e a 298.251 nel 2020, con un aumento complessivo dunque di circa il 50% in nove anni.
Da ultimo un confronto con Linate: lo scalo alle porte della città di Milano prevede una crescita di qui al 2020 da 8.294.000 passeggeri a 10.560.000. Decisamente più ridotta in termini percentuali sarebbe anche la crescita dei movimenti annui su Linate, che saliranno dagli attuali 121.376 a 131.485 nel 2015. E dopo il 2015 non sarebbe più prevista alcuna crescita ulteriore. A quel punto la progressione del sistema aeroportuale milanese sarebbe tutto su Malpensa, con le relative ricadute dal punto di vista economico, occupazionale e ambientale.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.