Villa Cortese e Bodio, due vittorie per sperare

Beffate al tie break Cislago e Castellanza, che perde Montenegro per infortunio. Legnano continua la rincorsa, un altro 3-2 per la Yamamay

Fine settimana ricco di emozioni in serie B, con ben quattro tie break e tante sorprese. La più piacevole viene dall’Aquatech Bodio, fanalino di coda della B2 che riesce però a vincere la sua prima partita in trasferta (3-1 a Vercelli) riaprendo la difficilissima rincorsa alla salvezza. Festeggiano anche Legnano e Yamamay (abbonata al quinto set). In B1 Villa Cortese strappa il suo secondo successo consecutivo, mentre si fanno superare proprio sul filo di lana Cislago e Castellanza: quest’ultima torna da Udine con un solo punto e il pesante infortunio di Montenegro da assorbire. Nulla da fare invece per Orago, in partita solo per un set contro Campagnola.

 
Atomat Udine-Pallavolo Castellanzese 3-2 (26-28, 25-18, 23-25, 25-23, 18-16)Lunghissima trasferta e lunghissima battaglia per Castellanza, che si arrende a Udine soltanto dopo il tie break. Pesa l’infortunio di Montenegro (probabile strappo muscolare) nel secondo set: nel finale formazione rivoluzionata con Trezzi opposto. Primo set nel segno dell’equilibrio (7-8, 21-20) e strappato dalle neroverdi ai vantaggi; nel secondo Udine controlla agevolmente (16-9, 21-16) ma Castellanza torna avanti nel terzo, e pur facendosi recuperare dal 13-16 al 20-21 va a chiudere 23-25. Nel quarto le padrone di casa mantengono sempre un esiguo vantaggio (16-14, 21-18), poi il tie break è una sfida all’ultimo pallone: 5-3, 8-10, 12-11. Si va ai vantaggi ed è sempre Udine ad avere la palla per chiudere, riuscendoci al quarto tentativo.
Castellanza: Rizzelli 2, Montenegro 5, Trezzi 12, Bottinelli 17, Vigato 13, Manfredini 19, Orlandi (L), Baldone 1, Massarotto 3, Accoto. All. Buonavita.
 
Cistellum Cislago-Service Med San Donà 2-3 (20-25, 25-16, 25-20, 18-25, 10-15)Solo un punto per il Cistellum al termine di una partita a tratti ben giocata dalla squadra di casa, che ancora una volta paga l’ormai famigerata rotazione in “P1” nella quale arrivano tutti i break avversari. Pessimo l’inizio di partita: sul 4-13 Meroni ha già chiamato entrambi i time out. Cislago recupera fino al 10-14 e addirittura al 17-18, ma non basta e San Donà chiude 20-25. Pagnin e compagne non demordono, battono più efficacemente e aumentano l’intensità in difesa e ricostruzione, dominando secondo e terzo set. San Donà scappa dal 7-8 all’11-16 nel quarto, il Cistellum va nuovamente a un passo dall’aggancio (17-18) ma arriva di nuovo la rotazione fatale, con 3 errori consecutivi e l’inevitabile 18-25. Il tie break inizia in equilibrio, poi sul 5-5 ecco un parziale di 0-5 che Cislago non recupera più (7-12, 8-13) fino al 10-15 conclusivo. “È anche colpa mia – si autoaccusa il coach Meroni – avrei potuto provare a raddrizzare la partita con un cambio. C’è rammarico per l’occasione sprecata, difficile tenere alto il morale quando i risultati non arrivano pur giocando bene”.
Cislago: Pagnin 6, Cartabia 17, Girola 9, Moraghi 18, Monne 18, Sintich 6, Meoni (L). N.e. Bettoni, Perinetto, Turconi, Elli, Mantaut (L2). All. Meroni.
 
Eas Italia Orago-Campagnola Idea Volley 0-3 (21-25, 16-25, 15-25)Un Orago evanescente in attacco non può nulla contro Campagnola, malgrado il buon inizio di gara: il primo set è equilibrato fino al secondo stop tecnico, poi l’Eas Italia si stacca 20-17 sfruttando qualche errore avversario, e il traguardo sembra davvero vicino. Invece, dopo il time out chiamato dalle bolognesi, arriva l’errore in battuta che è il preludio a un traumatico parziale di 1-7. Orago accusa il colpo e nel secondo set, dall’11-10, in poi non ne azzecca più una. Nel terzo partono a spron battuto le ospiti (0-6), Orago recupera (4-6) e resta in corsa fino al 12-15, poi la fuga definitiva. Da segnalare comunque il buon debutto di Giulia Mattiazzo, classe 1993, che ha sostituito nel ruolo di libero le indisponibili Parrocchiale e Bernasconi.
Orago: Gozzini 2, Danielli 5, Brunella 10, Colombo 4, Ferrara 3, Mazzaro 10, Mattiazzo (L), Danesi 1. N.e. Filippini, Castiglioni, Parrocchiale, Colella. All. Nastasi.
 
GSO Villa Cortese-Crovegli Cadelbosco 3-2 (20-25, 28-26, 22-25, 25-20, 17-15)Continua il buon momento di Villa che dopo una lunga battaglia strappa a Cadelbosco la sua seconda vittoria in campionato. Sempre costretta ad inseguire dopo aver perso il primo e il terzo set, la squadra di Bardelli si affida alle ispiratissime Perinelli (top scorer con 24 punti) e Bianchini per chiudere ai vantaggi un secondo set da brividi (28-26) e portare a casa più nettamente il quarto. Al tie break è di nuovo punto a punto e alla fine la biancoblu le spuntano 17-15 con il punto decisivo di Bianchini. Buon ritorno nel sestetto titolare per Di Pinto e bella gara di Figini al centro: 15 punti per lei. Sabato 22 alle 17, approfittando della pausa, Villa Cortese andrà in trasferta a Genova per recuperare la gara rinviata una settimana fa.
Villa C.: Di Pinto, Bianchini 23, Costenaro 4, Figini 15, Perinelli 24, Bordignon 14, Ardo (L), Dall’Ara, Sylla, Bertaiola 1. N.e. Massardi (L2). All. Bardelli.
 
Girone A – Classifica: Casalmaggiore 30; Fontanellato, Vigevano 27; Ornavasso 24; Vigolzone 23; Monza, Parma, Asti 22; Cadelbosco 18; Settimo T. 14; Genova* 10; Reggio 6; VILLA CORTESE* 4; Casale 0.
Girone BRisultati e classifica
 
B2 FEMMINILE – È una Focol Legnano davvero travolgente quella di questo inizio di 2011: le biancorosse non lasciano scampo nemmeno alla Picco Lecco, travolta da parziali da incubo (25-13, 25-12, 25-17). La partita non ha mai storia e le ospiti crollano in breve tempo sotto i colpi di Biganzoli (12 punti) e Armonia. Per le legnanesi una vittoria importante: agganciata anche Villata, la squadra di Pacifico torna a meno 4 dalla vetta, grazie anche al rallentamento di Chieri. Le notizie migliori della giornata vengono però da Vercelli, dove l’Aquatech Bodio strappa la seconda vittoria stagionale, la prima fuori casa, dimostrandosi ancora “viva” e in corsa per la salvezza. Il 3-1 (28-26, 25-17, 21-25, 31-29) è sì frutto dei tanti errori piemontesi, ma anche di due set strappati ai vantaggi, segno inequivocabile di grinta e fiducia. Bergami top score con 24 punti, ma l’eroina di giornata è Niada, schierata come schiacciatrice e autrice dei punti decisivi nel primo e nel quarto set. La Yamamay, intanto, torna al suo… risultato preferito: la sfida con Bresso finisce al tie break, il sesto della stagione. Dopo aver dominato il primo set (8-5, 16-10, 25-18) le giovani di Lucchini si lasciano sorprendere in un incredibile secondo set: da 20-12 a 23-25. Stesso punteggio nel terzo, vinto ancora in rimonta da Bresso (la Yamamay era avanti 21-19). Da lì in poi però la partita non ha più storia: addirittura 25-12 nel quarto set e 15-8 nel tie break. Sabato recupero di campionato per le bustocche, che andranno a Bergamo per affrontare alle 21 le giovani della Foppapedretti.
 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.