Woody Allen suonerà a Lugano

Il celebre regista si esibirà con la sua band di musica jazz al Palazzo dei Congressi. La data del concerto è fissata per il 27 marzo

Woody Allen suonerà a Lugano al Palazzo dei Congressi. La notizia è stata diffusa oggi dal quotidiano La RegioneTicino che ha comunicato anche la data prevista per il suo concerto jazz, il 27 marzo. Il regista che suona il clarinetto con la sua band non ha ancora anticipato nulla sulla serata. 
«Abbiamo 1.200 pezzi in repertorio – hanno raccontato i musicisti alla stampa ticinese -. Non sappiamo quali deciderà di suonare Woody, né che cosa combinerà quella sera».

Woody Allen e il jazz – Il grande regista è un appassionato di musica e in particolare di jazz. 
All’età di quindici anni impara a suonare il clarinetto, esercitandosi giornalmente. I suoi primi spettacoli pubblici risalgono addirittura a partire dagli anni sessanta. Una delle sue prime performance televisive fu quella al The Dick Cavett Show il 20 ottobre 1971. 
La musica jazz, soprattutto quella classica americana degli anni trenta e quaranta, è stata scelta da Allen come colonna sonora di molti dei suoi film. Nel finale di Manhattan, nella scena nella quale Isaac Davis (interpretato dallo stesso Allen) cita tra le cose per cui vale la pena vivere anche Louis Armstrong, e in particolare la sua celebre incisione di Potato Head Blues.

L’orchestra – La New Orleans Jazz Band suona con Woody Allen i lunedì sera al Cafè Carlyle di Manhattan (fino al 1997 suonavano al Michael’s Pub), un piccolo locale sempre assiepato dai fan. Il gruppo ha intrapreso diversi tour, soprattutto in Europa, a proposito dei quali Allen ha dichiarato: «Sono sempre sorpreso ogni volta che veniamo in Europa e abbiamo la possibilità di suonare in queste grandi e prestigiose sale concerto. Io personalmente sono un musicista molto molto mediocre e quindi suppongo che la gente venga a vederci più che a sentirci. Il nostro pubblico ha visto tutti i miei film e per questi film probabilmente accorre a teatro, non certo per la musica. Se non fosse per il cinema e fosse solo per il sottoscritto non verrebbe nessuno ad ascoltarci, questo vale per Milano, per Parigi, per Vienna. Siamo sempre molto sorpresi vedendo tutte quelle persone a teatro».

Il video:

Per info:
http://www.luganoinscena.ch/15gran.html


di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.