75 giorni di carcere per un ticket non pagato. Il caso a Mi Manda Rai Tre

La storia è stata raccontata alla trasmissione da due signore della provincia di Varese, Karen Berestovoy e Maria Sampaoli, e da Dario Ferrari, anch’egli residente nel Nord del Varesotto

Condannata a 75 giorni di carcere per un pagamento sbagliato del ticket sanitario. La storia è stata raccontata alla trasmissione “Mi Manda Rai Tre” da due signore della provincia di Varese, Karen Berestovoy e Maria Sampaoli, e da Dario Ferrari, anch’egli residente nel Nord del Varesotto. Esami clinici canonici alle anche per bambini appena nati, un’autocertificazione per l’esenzione del ticket firmata in buona fede nel mezzo della confusione della coda: un errore che sembrava sanato con una multa di 8 euro spedito dall’Asl, unito ai 47 euro di ticket. Ma a distanza di qualche tempo il decreto penale di condanna dal Tribunale di Varese a 75 giorni di reclusione convertiti d’ufficio a una pena pecuniaria di migliaia di euro per il reato di falsa certificazione nella dichiarazione del reddito. I casi si riferiscono al 2005 e 2006, ma le notifiche sono arrivate da pochi giorni. I controlli a campione sono stati effettuati dalle aziende ospedaliere come previsto dalla Regione. In caso di errore è possibile fare ricorso avviando la procedura di recupero crediti. Gli interessati si sono rivolti ad un avvocato che farà ricorso. Sembra che i casi simili siano moltissimi soprattutto nella zona del Luinese.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 maggio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.