A Malnate la rivoluzione la fanno i giovani

Al ballottaggio vanno due under40: Samuele Astuti (Pd) ed Elisabetta Sofia. Tra i più votati il 21enne Enrico Torchia (Pd) con 137 voti. Grande fair play del candidato del Pdl Alessio Radaelli

L’arancione a Malnate va di moda, più del verde e dell’azzurro. Il colore scelto dal candidato del centrosinistra, Samuele Astuti, è piaciuto al 47 per cento degli elettori. Il centrosinistra ha, dunque, abbandonato il rosso per scegliere una nuance più delicata, moderata.
I giochi però non sono ancora finiti: l’outsider Elisabetta Sofia (Lega nord, Forza Malnate, Pensionati) ha ottenuto il 22,67 %. Un buon risultato se si pensa che la Lega ha di fatto lasciato al palo «gli alleati naturali» del Pdl che si devono accontentare del 19,3%.
I malnatesi hanno archiviato subito la parentesi Sandro Damiani. L’ex sindaco ha racimolato un magro 3,11 % . Un giudizio severo quello dei cittadini nei confronti di Damiani, anche se in questo caso hanno usato due pesi e due misure, considerato che la responsabilità della caduta della ex giunta di centrodestra è da attribuire anche allo strappo operato dai vertici del Carroccio. Bocciato anche Gianfranco Francescotto, vecchia guardia della destra malnatese, che, nonostante una vita spesa per la politica e la diaspora verso il Movimento libero per Malnate, ha raccolto solo il 3,87%.
La vera novità, a parte i colori, è che al ballottaggio ci finiscono due giovani, due under 40: Samuele Astuti (Pd, Idv, Sel, Attivamente donne e Malnate sostenibile) ed Elisabetta Sofia (Lega nord, Forza Malnate, Pensionati). Un bel segnale per la politica italiana. La soglia critica dei quarant’anni, dunque, non vale solo per i matematici (si dice che dopo quell’età la creatività legata ai numeri tenda a diminuire), ma finalmente vale anche per i politici.
I candidati giovani - a parte il «superlombardo» Filippo Castelli del Fronte indipendentista per la Lombardia, che ha raccolto un magro 0,38% – hanno fatto una buona performance. Anche se il rosso soviet non va più di moda, la 25enne debuttante candidata sindaco per la Federazione della Sinistra, Fabiola Longo, ha piazzato un dignitoso 3,52 %. Tra i consiglieri più votati, con 137 voti, c’è il ventunenne Enrico Torchia, studente universitario, numero 14 della lista del Pd, e Paola Cassina (Lega Nord) con 82 voti. Mister preferenza è Piero Battaini, capolista del Partito Democratico, con 164 voti.
(foto sopra: Il battesimo politico di Elisabetta Sofia con Umberto Bossi )
Ora c’è il ballottaggio e tutti si aspettano le dichiarazioni di voto e gli apparentamenti. Elisabetta Sofia ha già dichiarato che «i cugini del Pdl sono gli alleati naturali». La matematica, però, dice che non basta apparentarsi con chi è già un parente stretto per vincere. Infatti, se si sommano i voti presi dalla coalizione Carroccio-Pensionati- Forza Malnate con quelli della del centrodestra (Pdl, Udc, Malnate ci Lega, Malnate futura) si raggiunge il 41,96%, ancora troppo poco per battere Astuti che a sua volta ha replicato: «Noi chiederemo il voto ai cittadini». E tra i cittadini c’è anche l’ex candidato sindaco del Pdl, Alessio Radaelli, che intervistato ha detto: «Astuti è una persona straordinaria e squisita. Con quello che ha messo in campo non poteva che ottenere questo risultato. Ha vinto il migliore».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 maggio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.