Adsl: Comerio vuole navigare veloce

Entrambi i candidati sindaco riconoscono la necessità che il comune venga dotato di una linea veloce

Bellezze ambientali e naturalistiche ma quanto a tecnologia Comerio soffre. Manca l’Adsl e la connessione veloce. Quanto è grave e sentito questo problema? Negli ultimi giorni, la Regione ha comunicato che Comerio fa parte dei piccoli comuni inseriti nel bando vinto da Telecom per le aree a “fallimento di mercato”. In attesa che il bando diventi realtà, sentiamo cosa ne pensano i due candidati sindaco di questa mancanza

 

Paolo CostaPaolo Costa Per Comerio Pdl e LN: «La mancanza di connessione veloce è un problema, la cui soluzione è una delle priorità del nostro programma, perché oggi internet è comunicazione, ma è soprattutto anche opportunità di lavoro. Nei giorni scorsi abbiamo accolto con molto favore l’avvio del progetto della Regione Lombardia per l’introduzione della banda larga a costo zero per i Comuni. Regione e Telecom hanno inserito Comerio tra i paesi interessati: il nostro programma è già realtà! E questa è una prova che il Comune, in questo come in molti altri settori, non può far da sé: deve dialogare con gli altri enti pubblici».

 

 
Silvio AimettiSilvio Aimetti – Il Gelso Vivere Comerio: « Fortunatamente esistono da tempo alternative tecniche che stanno aiutando a bypassare l’ostacolo anche se a volte non in maniera performante; siamo consapevoli che questo aiuta ad alleggerire la “sofferenza” ma non risolve il problema. Sappiamo che Telecom sta testando una nuova tecnologia su una centrale telefonica di Legnano che potrebbe risolvere la mancanza di connessione veloce in casi come quello del nostro paese, ma purtroppo in un futuro non prossimo. Tutto nasce comunque non tanto da difficoltà logistiche quanto da costi elevati da sostenere per realizzare una nuova centrale telefonica; ricordiamo infatti che dopo l’incendio nel quale andò distrutta quella di Barasso, non ne fu mai più realizzata un’altra. Ecco perché è nostra intenzione creare un tavolo di lavoro insieme a Telecom e a tutte le realtà imprenditoriali dei territori coinvolti dall’inconveniente ADSL, per valutare la possibilità di compartecipazione dei costi; inutile dire che in caso di successo ne trarrebbe grande beneficio anche l’utenza cittadina».

Segui il dibattito elettorale su Facebook

Segui lo speciale elettorale su Varesenews

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 maggio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.