Anzanello non si fida: “La Yamamay può crescere ancora”

Carlo Parisi a testa alta dopo la sconfitta in gara 1: “Non si può chiedere di più a queste giocatrici”. Anche Serena guarda avanti con fiducia: “Speriamo che l’equilibrio prosegua fino alla fine”

Dopo l’estenuante maratona del primo derby in semifinale, può finalmente concedersi un sorrisoSara Anzanello: «Iniziare una serie con un 24-22 al tie break non è proprio il massimo, mi sa chedomani mi devo fare una flebo di vitamine… Comunque sono contenta, dopo la loro vittoria per 3-0 in campionato si apre un nuovo ciclo e cominciarlo con una vittoria è importante. E poi credo che anche il pubblico, con qualche infarto qua e là, possa essere soddisfatto!». La prestazione non proprio impeccabile dell’attacco, secondo il capitano, è da ascrivere soprattutto ai meriti delle avversarie: «La Yamamay è cresciuta molto durante l’anno e può crescere ancora. Ci hanno studiato bene, contro di noi difendono e toccano sempre tanto; a volte, per chiudere lo scambio o per cercare di scavalcare il muro, commettiamo degli errori anche gravi. Ora Marcello ci farà studiare un bel po’ il video della gara, così vedremo come migliorare». Delusione, ma anche fiducia per Valentina Serena, tra le protagoniste dell’incontro: «Quando arrivi così vicino alla vittoria, un po’ di rabbia è inevitabile. Però è stata una partita molto combattuta e questo ci conforta. Sicuramente entrambe le squadre hanno avuto momenti di bel gioco alternati a tanti errori, credo sia normale; speriamo che l’equilibrio continui così fino alla fine, è il modo giusto per affrontare partite di questa importanza».

 

Anche Carlo Parisi ha ben poco da rimproverare alle sue ragazze: «Stasera chiedere di più vorrebbe dire non essere onesto e non riconoscere i grandi meriti di tutti le giocatrici. Il rammarico non c’è, non dobbiamo dimenticare chi avevamo di fronte: può succedere che non si riesca sempre a concretizzare quello che si ha in mente. Le abbiamo tenute in campo a lungo e questo è già un ottimo risultato. Guardiamo in avanti con grande fiducia: si riparte dall’1-0, puntiamo tutto sulla partita di giovedì». Marcello Abbondanza analizza così la partita: «Loro sono una squadra fisica e in questo periodo sono in gran forma. Contro la Yamamay se riesci a fare il tuo miglior gioco va bene, se non ce la fai ti portano su questi binari. Sono state brave a metterci in difficoltà, noi più brave a rimanere serene anche quando le cose non andavano per il meglio e portare a casa questa battaglia». La trasferta forzata al Forum ha condizionato non poco il rendimento della squadra: «Ci mancavano le misure e i riferimenti, siamo rimasti troppo bassi con le traiettorie e non avevamo la necessaria sicurezza. Ciò non toglie che sulla gestione dell’errore si potesse fare sicuramente meglio». E gara 2? «Ho bisogno di bere una birra, poi ci penserò!».

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 maggio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.