Bossi: “Bombardare costa troppo e i soldi non bastano”

Umberto Bossi cauto sulla guerra in Libia e i rapporti con il Cavaliere: "Berlusconi può fare il federalismo, che è la cosa più importante"

«Bombardare costa un sacco di soldi e l’Italia non li ha. Ma Berlusconi può fare il federalismo». Umberto Bossi sintetizza così la posizione della Lega: contro la guerra in Libia, ma fedeli all’alleanza con il cavaliere, in nome del federalismo. Il senatur parla da Gallarate, un posto dove Lega e PdL sono ai ferri corti, una delle città – l’altra è Rho – dove il carroccio ha marcato le distanze dal resto del centrodestra. Eppure Bossi è cauto nel giudizio: liquida Perferdinando Casini (in visita ieri nella cittadina) come «uno che lavora per sè», ma si lascia sfuggire poco su Berlusconi: «Può fare davvero il federalismo, si può cambiare davvero il Paese: il federalismo è la cosa più importante. Però bombardare costa un sacco di soldi, l’Italia non li ha: i soldi servono per i pensionati non per la guerra. Anche rimandare indietro gli immigrati costa un sacco di soldi… e se lì butti una bomba, partono le barche». Qualche militante, alcuni passanti lo incalzano: «Umberto, basta fare gli affari del Berlusca… pensiamo al federalismo!». E lui tranquillizza, parla: «Lo facciamo, lo facciamo. Ma voi non credete sempre a quello che dicono le televisioni e i giornali». 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 maggio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.