«Chiedo ai cittadini un secondo mandato per completare il programma»

La lista civica appoggiata da Pdl e Lega cerca il consenso riproponendo il sindaco in carica, Adriano Costantini. «Unificazione delle scuole e nuovo acquedotto i miei obiettivi»

adriano costantiniAdriano Costantini conosce bene il municipio di Leggiuno. Non è uno slogan elettorale, poiché da quando aveva i ‘pantaloni corti’ fa parte della macchina comunale. «Nel 1958 incominciai a lavorare come impiegato all’ufficio ragioneria – spiega – . Lavorai in comune fino al 1995, quando andai in pensione. E lì scattò l’impegno politico in comune: l’allora sindaco, Giancarlo Cerutti, mi chiese una mano: feci il suo vice, e dal 2006 sono alla guida dell’amministrazione».
Classe 1943, sposato, due figli grandi, Costantini un hobby ce l’ha: la barca. «Ma le dico subito che sono sette anni che ce l’ho tirata in secca; è su di un carrello nel prato dietro casa: un po’ per il fatto che è in legno, e va curata in continuazione, un po’ per l’impegno di sindaco…tanti parlano di orario di ricevimento…per me non c’è orario: sono sempre qui!».

Perché si candida?
«Voglio completare le opere incominciate nel corso di questa amministrazione. Cinque anni sono un periodo lungo, ma non sempre sufficiente per raggiungere gli obiettivi prefissati. Uno dei quali, che mi sta particolarmente a cuore, è il polo scolastico. Riunirlo in un’unica struttura è il mio pallino e voglio farlo: sistemeremo 3-4 aule l’anno nel presso di Baraggia e lì creeremo un polo scolastico unico, che servirà 500 alunni»

Come ha scelto la squadra che compone la sua lista?amministrare insieme
«Metà dei consiglieri sono dell’attuale amministrazione, mentre gli altri sono nuovi e giovani: è giusto formare nuove persone che saranno la guida futura del paese».

Quali sono le qualità che deve possedere un politico locale?
«Buon senso e dialogo con la gente. Deve sempre saper prestare attenzione ai cittadini. Deve saper ascoltare tutti».

Uno dei problemi segnalati dai cittadini di Leggiuno è quello della qualità dell’acqua e della sua distribuzione: lo ritiene una priorità da affrontare? Se si, come?
«È una priorità del programma. Il comune ha un’enorme potenzialità di pescaggio d’acqua. Il problema è che la rete di distribuzione è lunga oltre 30 chilometri e venne realizzata in ferro decine d’anni fa. Ci sono formazioni di ruggini che in alcuni casi danno una colorazione particolare all’acqua. L’obiettivo sarà intervenire a lotti, e lo stiamo già facendo in occasione di lavori contingenti cambiamo i vecchi tubi col pvc. Sarà comunque un lavoro lungo che andrà affrontato».

Un’altra questione riguarda i giovani: quale sarà la politica del comune rivolta ad essi?
«Abbiamo ereditato 8.500 metri quadrati di verde a Reno, oltre ad un piccolo immobile: l’obiettivo è dotare i giovani di uno spazio attrezzato ad area feste e campo sportivo».

Quali sono le prime tre cose che farà per Leggiuno?
«Comincerò subito a lavorare per sistemare l’acquedotto, le scuole e la riqualificazione di un immobile per il centro anziani».

leggiuno Come vede il paese tra 5 anni?
«Auspico che vi sia una ripresa economica e più lavoro. In paese si costruirà di meno e spero che le molte case sfitte verranno riempite da nuove famiglie: un fenomeno a cui già abbiamo assistito, con un aumento demografico dal 2001»

Ha uno slogan?
«Sì, è il simbolo della mia lista: Amministrare insieme»

Utilizza internet e i social network?
«Sono un lettore di Varesenews, utilizzo internet per informarmi, e non ho facebook»

Come affronterà la campagna elettorale?
«Punteremo sugli incontri pubblici coi cittadini, ma anche su programmi che verranno distribuiti casa per casa, assieme ai nostri volantini».

La pagina dello speciale elettorale di Leggiuno

La pagina su Facebook di Leggiuno al voto

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 maggio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.