Concerto, aperitivo o gita in Boschina. La campagna elettorale finisce così

Finisce la lunga corsa: dopo gli ultimissimi comizi, si è concluso con eventi aggregativi e di festa (anche se non è mancata qualche polemica)

Concerto in piazza, aperitivi vari oppure gita in Boschina. C’è un bel po’ tra cui scegliere, nell’ultimo giorno di campagna elettorale, quando i partiti mettono da parte i comizi e le ospitate dei leader e puntano più a fare aggregazione: cosicché alla fine ci sono più stand e proposte da sagra paesana, quasi a voler sdrammatizzare una campagna dai toni accesissimi.

Saltata la maxirisottata dentro nel cortile di Palazzo Broletto, Massimo Bossi conclude con un comizio di piazza con candidati e ospiti (tra cui Lara Comi e Giorgio Puricelli) e con un aperitivo al Royale. Tra gli ospiti dell’ultimo intervento anche l’assessore regionale Raffaele Cattaneo e Rocco Buttiglione presidente dell’Udc. Militanti impegnati a distribuire lecca-lecca e palline antistress gialle, tutte rigorosamente pro-Bossi.

In centro il candidato sindaco del centrosinistra Edoardo Guenzani ha organizzato il lancio di palloncini e una festa in piazza, con wi-fi gratis (offerto dai Giovani Democratici) come "sperimentazione" che il centrosinistra vorrebbe allargare. Il concerto rock con un gruppo di giovani gallaratesi è iniziato in ritardo per l’intervento della Polizia Locale, arrivata per la verifica dei permessi: dopo un’ora di attesa, registrato che tutti i documenti erano presenti, la musica ha avuto inizio.


La Lega Nord di Giovanna Bianchi ha chiuso la corsa con un aperitivo al Barbaresco alle 20, anche se la vera festa sono stati il comizio di Bossi giovedì sera e l’ultima comparsata del sanatur accompagnato dal segretario nazionale Giancarlo Giorgetti. Libertà per Gallarate, la lista civica che appoggia Giovanna Bianchi, ha invece fatto un aperitivo con prodotti tipici e cocktail al Bar Giardino di piazza Risorgimento.

Scelta decisamente anomala, infine, per Andrea Buffoni, candidato di Unione Italiana: ha concluso con una passeggiata alla Boschina, per testimoniare l’attenzione al verde e ricordare la tutela decisa (quando era sindaco) sulla collina di Crenna: hanno distribuito una poesia di Bertold Brecht. Slogan per la serata: "noi saremo naturalmente protagonisti".


di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 maggio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.