Ecco la nuova giunta, c’è anche Sommaruga

Al giovane esponente della Lega l’assessorato ai Servizi Sociali, Frigoli responsabile del Settore Tecnico. Deleghe anche per Galli, Giachi e Ferro. Farisoglio. “Una squadra bilanciata”

Una giunta ridotta e con almeno una sorpresa: come annunciato è composta da soli 5 assessori e non più da 7 la “squadra” scelta da Fabrizio Farisoglio per il suo secondo mandato alla guida di Castellanza e svelata questa sera al Municipio. Uno snellimento in linea con la riduzione del consiglio comunale da 21 a 17 membri. Tra i nuovi assessori c’è una new entry assoluta come Matteo Sommaruga, a cui vengono attribuite le deleghe per le attività del settore socio-assistenziale e del servizio Informalavoro; per il resto Maurizio Frigoli è il nuovo assessore alle attività del settore tecnico, Fabrizio Giachi all’istruzione, cultura, tempo libero e servizi demografici, Ferruccio Ferro a polizia locale, sport e impianti sportivi, Luca Galli a economia e finanza, società partecipate, comunicazione e innovazione, oltre che vicesindaco. Il primo cittadino ha tenuto per se le deleghe agli affari generali, all’informazione e al servizio ecologia. La nuova giunta si riunirà per la prima volta già giovedì sera alle 21: all’ordine del giorno la ratifica delle nomine e l’approvazione della rendicontazione di bilancio. Lunedì 30 maggio, invece, il primo consiglio comunale per il giuramento del sindaco e la nomina del presidente; la seconda seduta è prevista per l’ultima settimana di giugno.

“Non abbiamo bisogno di rodaggio” dice Farisoglio, che commenta così la composizione della giunta: “Abbiamo prestato fede alle promesse e costruito una giunta che nasce dalla legittimazione data dal voto, composta soltanto da assessori eletti dai cittadini. Credo che sia un organismo molto bilanciato, sia politicamente tra la lista civica Città Libera e la Lega Nord, sia tra l’esperienza dello scorso mandato e le nuove forze che entrano. Colgo l’occasione per ringraziare pubblicamente la Lega per il lavoro che ha fatto in campagna elettorale: sarebbe stato facile farsi prendere dalla tentazione di sopraffare la lista civica appena nata, invece hanno prevalso l’intelligenza politica e la voglia di amministrare bene la città”. Tiene banco, naturalmente, la nomina di Sommaruga, che nel corso della sua esperienza in consiglio provinciale si era già occupato di servizi sociali: un tema chiave per l’amministrazione castellanzese. “Vogliamo cambiare la mentalità – spiega Farisoglio – e introdurre un nuovo concetto: assistenza, ma non assistenzialismo, e intervento visto come investimento per il futuro. Non a caso per la prima volta l’attività di Informalavoro entra per la prima volta nel settore socio-assistenziale”. Un concetto ribadito anche dallo stesso Sommaruga: “Applicherò sempre il principio di sussidiarietà e cercherò di lottare contro ogni forma di assistenzialismo”.

A Luca Galli, oltre alla poltrona di vicesindaco, sono toccate ancora una volta le deleghe finanziarie: “Il bilancio sarà un argomento fondamentale non solo per noi, ma per tutti i Comuni. Domani sera approveremo un consuntivo molto buono che ci permetterà, nel corso del 2011, di ampliare molto la spesa per gli investimenti, senza toccare la pressione fiscale”. Compito difficile anche per Maurizio Frigoli alle prese con lo scottante problema della viabilità: “Sono consapevole che sarà dura, ma questa è una giunta che lavorerà in modo collegiale e tutti i problemi li affronteremo insieme. Essendo molto presente sul territorio conosco le esigenze più urgenti dei cittadini, ma devo essere realista e tenere conto del fatto che non si può fare tutto: ci sarà grande attenzione alle priorità”.

Presente in Sala Giunta anche Giancarlo Lovisolo, segretario cittadino della Lega e presidente di Castellanza Servizi: “L’entusiasmo di questa giunta è palpabile e sono certo che saprà trasmetterlo anche a noi. C’è una sorta di continuità, ma l’aria è cambiata. La collaborazione tra Lega e lista civica è stata perfetta, mi spiace soltanto – conclude Lovisolo con una battuta – che anche questa volta non siamo riusciti a vincere, a quanto pare hanno di nuovo perso gli altri…”. E l’avvocato Mario Rossi rivendica il risultato ottenuto dai suoi: “Città Libera ha avuto 45 preferenze per ogni candidato, contro le 30 di Mazzucco e le 33 della Ponti: siamo i più votati”.
Resta invece fuori dalla nuova giunta Simone Tornaghi: “È una scelta condivisa nell’ottica di un normale avvicendamento – conclude Farisoglio – non c’è stata nessuna lamentela e di questo sono molto contento. Abbiamo pensato molto alla composizione della giunta, passando anche un paio di notti insonni, ma sono convinto che il risultato finale sia in grado di garantire un’operatività immediata”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 maggio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.