Elezioni, duri scontri. E adesso arrivano i big

Bossi, Grillo, Di Pietro, Gasparri, Veltroni, Zaia, D'Alema, Finocchiaro. Tanti nomi passano dalla nostra provincia per le amministrative ma intanto a Gallarate il gioco si fa pesante

La campagna elettorale di Varese e quella di Gallarate e Busto Arsizio stanno assumendo una certa importanza, se è vero che i big nazionali stanno battendo le nostre strade a caccia di voti. Il caso più eclatante è quello di Gallarate dove la Lega Nord ha lanciato una guerra santa contro il Pdl. Gallarate è l’unica città dove i due partiti, alleati al governo, sono in aperta competizione e nemmeno troppo leale. Lo scontro sui profughi dell’altra notte va inquadrato in questa querelle: la Lega è mobilitata nella battaglia di Gallarate con tutte le sue forze. Il nuovo direttore dell’ospedale Maria Cantù (Lega) ospita la Bianchi per un giro tra i degenti,Umberto Bossi passeggia per la città a caccia di voti; l’altra notte consiglieri comunali e dirigenti provinciali sono stati fino alle 4 di mattina ad attaccare manifesti in città. E curiosamente l’avversario berlusconiano si chiama Bossi. 

Nei manifesti la Lega dice cose che il Pd non ha mai neanche osato immaginare, addirittura che vuole cacciare la mafia dalla città. Il Pdl risponde portando Roberto Formigoni l’otto maggio per un comizio, mentre il candidato Massimo Bossi andrà il 7 maggio al comizio di Berlusconi accanto al premier. Maurizio Gasparri sarà domani a Varese all’ora di pranzo in un bar del centro e poi a Castellanza e a Busto Arsizio ma non a Gallarate. Antonio Di Pietro sarà il 9 maggio sia a Varese alle 15 in piazza Podestà mentre alle 16 e 30 andrà a Gallarate. L’Italia dei valori è in alleanza con il centrosinistra.

Beppe Grillo ha fatto un incredibile comizio con 3mila persone in piazza San Giovanni a Busto Arsizio, mentre era stato anche in piazza Podestà. Il movimento 5 stelle è un mistero della campagna elettorale, potrebbe rubare dei voti al centrosinistra e in ogni caso sarebbero voti dedicato solo al verbo grillino poiché il gruppo rifiuta di allearsi con qualunque altro partito.

Il Pd fino a questo momento ha tenuto lontani i big, e ha puntato su una campagna elettorale molto legata al territorio. Domani faranno una conferenza stampa per spiegare le nuove iniziative. Finora si sono visti la capogruppo al senato Anna Finocchiaro a Varese e la visita in una azienda di Busto Arsizio di Massimo D’Alema. Martedì arriva Veltroni, che sarà di certo a Gallarate e poi a Varese a sostenere Luisa Oprandi.

E infine un dato di curiosità: tra i militanti del Pdl gira voce che la nuova sede di via Carrobbio a Varese sarà inaugurata da Nicole Minetti, insieme ad alcuni consiglieri regionali come Rienzo Azzi e Giorgio Puricelli. Nessuna conferma. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 maggio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.