Fiom primo sindacato alla Lascor

I metalmeccanici iscritti alla Cgil hanno ottenuto il 68 % dei voti (199) contro il 31,6 2 % dei voti (99) della Fim Cisl. Icham Mourtadi è il candidato più votato

Rinnovata la rsu (rappresentanza sindacale unitaria) alla Lascor, azienda metalmeccanica di Sesto Calende. La Fiom-Cgil ha ottenuto il 68 % dei voti (199) contro il 31,6 2 % dei voti (99) della Fim-Cisl. Icham Mourtadi (foto), metalmeccanico di 41 anni (il prossimo ottobre), nato e cresciuto a Casablanca (Marocco), è stato il candidato più votato dai lavoratori con 92 voti, quasi la metà di quelli ricevuti dalla Fiom. «Sono in Italia dal 1995 e da 12 anni lavoro alla Lascor – dice Mourtadi -. Questa elezione è il frutto del mio impegno e della mia serietà, perché quando si parla con i lavoratori e si prendono degli impegni bisogna essere seri. Questo vale per i delegati stranieri e anche per quelli italiani, altrimenti nessuno ti dà fiducia. Sono contento perché rappresento un’organizazzione sindacale che ha una grande storia».
Mourtadì tra poco dovrà affrontare la prima assemblea dei lavoratori in qualità di rappresentante sindacale. «Sarà un momento importante – dice il nuovo eletto – perché da lì usciranno le istanze dei lavoratori che noi dobbiamo portare di fronte all’azienda».
I vertici provinciali della Fiom-Cgil sono soddisfatti, perché le elezioni alla Lascor hanno dato una doppia indicazione: da una parte c’è il sorpasso in azienda nei confronti dei "cugini-competitor" della Fim-Cisl, dall’altra hanno messo in evidenza il contributo della manodopera straniera in provincia di Varese e la loro crescita sul piano sindacale. 
«
In una fase economica difficile per tutti – commentano i dirigenti della Fiom – il buonissimo risultato ottenuto alla Lascor testimonia che la fiducia verso persone stimate e perbene non ha confini né colore. Ora gli obiettivi primari sono la  stabilità occupazionale, la difesa dei diritti, lo sviluppo della contrattazione e le  tutele dei lavoratori». 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 maggio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.