Il Festoria diventa maggiorenne “nonostante le difficoltà”

Tema di quest’anno sarà “per non dimenticare” e si svolgerà i primi giorni di settembre nella storia piazza Rossa della città

Festoria, per non dimenticare. Questo il motto di quest’anno dell’iniziativa che ogni settembre anima la fine dell’estate, tra musica e incontri. Ad organizzare l’iniziativa è il Circolo culturale I Briganti. «Mai come ora è importante esserci – spiegano dall’associazione -. L’associazione è attiva a Saronno dal 1999 e da anni organizza autonomamente la manifestazione, vive un momento di disagio trovandosi sotto la lente di alcune istituzioni. Tale situazione ha messo a seria prova anche la sopravvivenza della mitica Festoria proprio alla vigilia del compimento della sua maggiore età. Tuttavia le convinzioni, o forse l’incoscienza, degli organizzatori faranno sì che questa diciottesima edizione si svolga comunque, forse in maniera diversa ma con il medesimo vivo entusiasmo e lo stesso spirito di condivisione che da sempre animano l’evento. Ecco perché, quindi, la tua presenza è importante e potrà permettere di non cancellare quello che è diventato oramai un appuntamento fisso nella vita saronnese e non solo».
 
Festoria è un happening di 4 giorni che si svolge a Saronno nel mese di settembre, periodo in cui le persone tornate dalle vacanze hanno ancora voglia di spensieratezza e di rincontrarsi prima di tuffarsi totalmente negli impegni di lavoro e di studio.
La festa: richiamate dall’originalità delle proposte culturali e musicali, migliaia di persone vedono Festoria come l’occasione di condividere un momento unico nella zona. Anche per la diciottesima edizione la kermesse avrà come filo conduttore la musica, ma non mancheranno mostre e spettacoli anche per bambini e famiglie. Come da tradizione l’evento ospiterà un’ampia rete di realtà associative locali e nazionali oltre a stand espositivi.
 
L’ origine: Festoria nasce nel 1994 dall’esigenza di un gruppo di ragazzi di unirsi in un simbolico abbraccio per ricordare la scomparsa prematura di quattro di loro. È il primo tentativo di un gruppo di giovani di raccogliere a Saronno tante persone legate dal filo conduttore della musica, è un esperimento spontaneo di protagonismo giovanile, dove le persone salgono sul palco e si esibiscono, anche come spalla di gruppi di fama nazionale, scelti direttamente da loro per poi ascoltarli dal vivo. Il luogo: Saronno, città di circa 40.000 abitanti situata tra le province di Milano, Monza e Brianza, Como e Varese in una posizione strategica che permette il semplice e rapido raggiungimento della location. Come ogni anno la manifestazione sarà ospitata in Piazza del Mercato, meglio conosciuta come Piazza Rossa dai frequentatori storici per via del colore delle mattonelle che la rivestono. L’ampia e accogliente location è situata a due passi dalla stazione FNM e dall’uscita dell’Autostrada A9.I numeri: ogni anno migliaia di persone passano dalla Piazza Rossa, la riempiono, la vivono grazie anche alla frenetica attività degli oltre 50 volontari che compongono lo staff. Dal 1994 si sono alternati sul palco più di 100 gruppi di generi musicali diversi e altre decine di personaggi hanno animato la piazza con le loro espressioni artistiche. La musica: la proposta musicale prevede sempre generi diversi puntando alla qualità e dando ampio spazio anche alle realtà locali emergenti, prevedendone spesso e con buona lungimiranza un’ascesa importante. Nelle edizioni precedenti si sono avvicendati sul palco gruppi del calibro di Afterhours, Ministri, Vallanzaska, Après la classe, Punkreas, Ustmamò, The Hormonauts, Sud Sound System, Persiana Jones, Prozac +, Reggae National Tickets, Otto Ohm, Quartiere Latino e tanti altri. Festoria è riuscita a distinguersi dalle altre feste della birra o di piazza diventando un vero e proprio momento di costume. atteso, ricordato, apprezzato e criticato tutto l’anno.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 maggio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.