“Il giro d’Italia passa da Saronno: multati i corridori”

L’ironia colpisce il provvedimento dei 30 all’ora: sulla pagina Facebook dell’ex sindaco Gilli compare una finta notizia della “Mazzata dello sport”

“Il giro passa da Saronno, multati i corridori. Hanno superato i 30 km/h”. È la notizia, falsa e ironica, ma realizzata graficamente come se fosse vera, che è comparsa sulla pagina Facebook dell’ex sindaco Pierluigi Gilli. Il giro d’Italia passerà veramente da Saronno, il prossimo 27 maggio, e il provvedimento voluto dall’amministrazione comunale sta incontrando diversi oppositori: tutto il centrodestra e anche un movimento nato proprio su Facebook, dal nome Dico noi ai 30 km/h.
Gilli non ha mai nascosto il proprio dissenso per l’estensione del limite di velocità su quasi tutto il territorio comunale. Ora diventa protagonista anche l’ironia: il finto articolo sportivo, rigorosamente su sfondo rosa del giornale “La mazzata dello sport”, riporta anche un testo del finto: «Incredibile risvolto durante il passaggio della carovana del giro per la città di Saronno: la polizia locale, per ordine dell’amministrazione, ha multato tutti i corridori per aver superato la velocità di 30 km/h. A Saronno, infatti, vige il divieto dei 30, di fatto esteso a tutto il territorio, sicchè io ciclisti, favoriti dal terreno pianeggiante, hanno percorso speditamente le strade cittadine, superando il limite consentito. Sconcerto tra il folto pubblico quando gli agenti P.L. hanno interrotto la corsa per elevare le contravvenzioni a tutti. Immediata la protesta dell’organizzazione del giro e degli appassionati presenti, che hanno rumorosamente inveito contro l’assurda misura; le forze dell’ordine hanno faticato a contenere l’indignazione popolare, continuata per diverse ore».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 maggio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.