Il parroco del paese per l’acqua bene comune

Don Francesco ha esposto la bandiera del comitato promotore del referendum. Una delle tante iniziative per sostenere la partecipazione alla consultazione dell'11-12 giugno

La mobilitazione per i referendum parte in quarta: meno di due settimane per sensibilizzare e convincere gli elettori ad andare alle urne, sfidando l’astensionismo. Insieme a quello sul nucleare, molto sentito e sostenuto è quello per l’acqua pubblica. Sono stati costituiti comitati cittadini ovunque, da Luino a Saronno. A Lavena Ponte Tresa si è dato da fare per l’acqua bene comune anche il nuovo parroco, Don Francesco Donghi, che ha esposto anche sul balcone della casa parrocchiale la bandiera del comitato. «Abbiamo cercato di sensibilizzare il maggior numero di cittadini – dice Giuseppe Fedele del comitato per l’acqua pubblica -perché si attivassero sul loro territorio con iniziative classiche che vanno dai volantinaggi ai gazebo, ma anche con serate informative, flashmob e aperitivi solidali che ci hanno visti coinvolti in prima persona».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 maggio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.