Il PdL alza le barricate su Amsc: “ecco quel che non vi dicono”

Mercoledì alle 20.30 l'incontro in cui il partito spiegherà le strategie e lo stato delle società nate dalla ex municipalizzata

È forse il tema principe della campagna elettorale: di Amsc si discute con toni accesi da due anni. E stasera il PdL porta la sua versione, la sua verità contrapposta a quella che Pd e Lega denunciano: "Tutto quello che non vi hanno detto di Amsc" è il titolo della serata al Teatro Condominio, questa sera alle 20.30. I vertici del PdL spiegheranno la strategia del gruppo di società delle ex-municipalizzate, attive in diversi servizi cittadini, ma anche proiettata verso un bacino sempre più ampio (a partire dalla gestione del servizio idrico). Una strategia che ha prodotto anche un deficit che ha preoccupato le opposizioni, ma che secondo i vertici del gruppo e secondo il PdL è garantita soprattutto dagli investimenti fatti e dalla posizione guadagnata sul mercato, anche grazie alle aggregazioni. 

Alla serata – organizzata appunto dal partito di maggioranza – non parteciperanno le altre forze politiche. Il Partito Democratico ha ribadito la richiesta di un dibattito pubblico con regole precise, in luogo neutro, con l’intervento dei candidati sindaco, chiedendo a Massimo Bossi di scegliere la data. Andrea Buffoni, candidato di Unione Italiana, ha invece inviato le sue domande scritte, concentrando l’attenzione sulla «questione più pressante», quella della scelta del partner privato per la nuova società Amsc Servizi Ambiente. Buffoni chiede chi ha fissato la quota del 48%, perché il bando non sia stato fatto con risorse interne, quali servizi gestirà il privato in cambio di 1,2 milioni di euro all’anno per dieci anni. Le stesse criticità denunciate già alcune settimane fa e che hanno fatto chiedere un rinvio del termine per la scelta del partner privato. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 maggio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.