Inaugurata “la nuova casa degli albizzatesi”

È stata inaugurata ufficialmente domenica 1 maggio la nuova sede comunale in piazza IV novembre, nello storico edificio seicentesco della "Ca’ Taverna"

Taglio del nastro per «la nuova casa degli albizzatesi». È stata inaugurata ufficialmente domenica 1 maggio la nuova sede comunale in piazza IV novembre, nello storico edificio seicentesco della "Ca’ Taverna". Un obiettivo che prese il via ufficilamente con l’acquisto dell’immobile nel 2003 e che si concretizzò nel luglio del 2009 con il trasferimento degli uffici amministrativi. Ultimo tassello, completato in marzo, è stata la nuova sala consigliare, realizzata con il contributo delle ditte Rossi di Albizzate, Tigros e Lamberti, che lo scorso 31 marzo ha già ospitato una seduta del consiglio comunale.
La sala è dotata di 21 postazioni per i membri consigliari e 64 poltroncine per chi assiste al consiglio. Ed è proprio nella nuova sala che il sindaco Mario Frangi, l’assessore Mirko Zorzo e, ospite per l’occasione, il senatore Fabio Rizzi hanno aperto ufficialmente l’inaugurazione con la benedizione del parroco don Daniele e il ricordo commosso del sindaco Piotti deceduto lo scorso novembre.
«Oggi inauguriamo la casa degli albizzatesi», ha detto nel suo discorso il sindaco Mario Frangi. Non è un mistero che l’amministrazione comunale ha fatto della nuova sede comunale uno dei suoi obiettivi principali, «anche perché – spiega l’assessore Zorzo – l’edificio apre prospettive e nuove opportunità per le realtà albizzatesi». «I locali interni e adiacenti la struttura storica dell’edificio potranno in futuro ospitare, una volta trovati i finanziamenti, la nuova biblioteca, un teatro, sale per le mostre e le sedi per le associazioni», ha spiegato Zorzo.

Galleria fotografica

Nuovo comune Albizzate 4 di 19
di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 maggio 2011
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Nuovo comune Albizzate 4 di 19

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.