“Le luci e le ombre del fotovoltaico”

I commenti di Emanuele Codari, Presidente dell’Unione impiantisti di CNA Varese al decreto ministeriale "cambiato in maniera troppo veloce una partita che occupa 85mila imprese"

fotovoltaico«L’assenza di limiti alla potenza elettrica installata potrebbe portare allo sblocco degli investimenti in corso sulle energie da fotovoltaico, tuttavia, non essendo stati recepiti i ripetuti appelli avanzati dalle Organizzazioni imprenditoriali, tesi in particolare a salvaguardare il potenziale di sviluppo del settore, restano pesantemente a rischio tutti gli investimenti futuri e l’occupazione». E’ questo il commento di Emanuele Codari, Presidente dell’Unione impiantisti di CNA Varese al decreto ministeriale relativo al “Quarto conto energia” firmato dal Ministro Romani e approvato nei giorni scorsi in Consiglio dei Ministri.

«Un provvedimento – sottolinea – che modifica in maniera repentina le regole in corso di partita non può che creare gravi difficoltà ad un settore giovane e promettente come quello delle energie rinnovabili in cui operano 85.000 imprese che danno lavoro 150.000 persone in Italia e nel quale hanno trovato una nuova dimensione professionale quasi un migliaio di imprese anche nella nostra Provincia».

«E’ quindi opportuno, e come Associazione congiuntamente alle altre organizzazioni di rappresentanza del settore faremo la nostra parte – ha concluso Codari – che, in vista del piano strategico nazionale per l’energia, il Ministero dello Sviluppo Economico coinvolga finalmente le Organizzazioni imprenditoriali in un confronto finalizzato a raziona- lizzare e risparmiare risorse pubbliche ma anche a rendere equo e trasparente il mercato, e a correggere gli squilibri che finora hanno penalizzato e rischiano di penalizzare in misura ancora maggio in futuro le piccole imprese».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 maggio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.