“Leoni” a nuoto nel lago di Monate

Domenica 12 giugno si disputa la prima traversata organizzata dagli Hic Sunt Leones. Spazio anche agli atleti diversamente abili, in una giornata tutta da gustare

Centocinquanta leoni a luoto nel lago di Monate. Non è una fuga in massa dallo zoo, bensì quello che succederà domenica 12 giugno su uno degli specchi d’acqua più suggestivi della provincia, dove è in programma la prima edizione della "Traversata dei leoni", una manifestazione di nuoto con scopo benefico e ludico (oltre che sportivo) che promette di diventare un appuntamento fisso negli anni a venire e che è stata presentata nelle sale della Provincia.
A organizzarla è la polisportiva "Hic Sunt Leones" di Varese, gruppo che è nato per gioco nel 2002 per partecipare a un torneo di rugby e che con il passare degli anni ha assunto sempre più la forma di associazione attiva in diversi ambiti e in molte discipline sportive. «Per il nostro decimo anno di attività avevamo già previsto un programma ricco di iniziative – spiega il presidente Marcello Amirante – compresa una traversata a nuoto nel lago di Monate. Doveva essere una cosa "privata" e invece, grazie all’incoraggiamento del "Circuito nobile dei laghi" e alla collaborazione che abbiamo trovato con diverse associazioni locali, ci siamo lanciati in questa impresa». Ne è così nata una traversata di 2,4 chilometri sul percorso Monate-Osmate-Monate che vedrà al via 150 nuotatori, numero di iscritti già quasi al completo (per gli ultimi posti, il modulo per aderire è sul sito www.hicsuntleonesvarese.it) e che si cimenteranno non solo per la vittoria assoluta ma anche per conquistare uno dei tanti premi messi in palio (tra gli altri, la classifica per gli over 90 chili e la "maglia nera" per l’ultimo arrivato…) tra cui non mancano quelli velati di goliardia.
Ma prima della traversata ufficiale, ci sarà spazio anche per i nuotatori diversamente abili grazie alla collaborazione tra i "Leones" e l’ASA di Varese, l’associazione sportiva dell’Anffas rappresentata a Villa Recalcati dalla fondatrice Cesarina Del Vecchio: «Ho molto apprezzato l’invito per la traversata: è una manifestazione "inclusiva", in cui i nostri ragazzi si sentiranno accolti in tutto e per tutto. E infatti hanno inziato ad allenarsi da tempo perché ci tengono davvero a ben figurare». La nuotata per i diversamente abili (ore 10) sarà "l’antipasto" della traversata che prenderà il via alle 11 mentre le premiazioni sono previste verso le 13,15; la giornata però proseguirà anche nel pomeriggio grazie allo stand di cucina e a quello della musica.
Tante comunque le "bracciate" che accompagnano gli "Hic Sunt Leones" nella loro fatica: ci sono la Canottieri Monate del presidente Ruspini che hanno accolto con entusiasmo la proposta di collaborazione, il Comune di Travedona che offre ospitalità, l’Avis Comunale di Varese che lavorerà fianco a fianco con l’organizzazione al pari di due associazioni sportive "acquatiche" (i sub di Varese e il Circolo Sestese Canoa e Kayak), pronte a dare il supporto agli atleti. E poi c’è "Terre des Hommes", la onlus internazionale cui sarà devoluta parte del ricavato delle iscrizioni per sostenere un’iniziativa a favore dei bambini del Nicaragua. Insomma, il piatto è ricco, tanto per chi nuota (gli iscritti arrivano da diverse località italiane, attirati dal "Circuito Nobile dei Laghi") quanto per chi vuole solo fare il tifo o dare una mano.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 maggio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.