Magda Cogliati: “Angera è la mia famiglia allargata”

Ex insegnante di lettere da più di dieci anni segue la vita amministrative del comune. Ecco cosa propone per il futuro della cittadina della Rocca

magda cogliati candidato sindaco per angeraL’erede politico del sindaco Vittorio Ponti è una donna. Magda Cogliati, vice sindaco uscente e assessore alle politiche sociali e alla cultura, guida la civica "Per Angera" che unisce alcuni rappresentanti dell’ultima amministrazione a delle new entry della politica cittadina.
 

Ci racconti qualcosa di lei…
«Sono nata e vivo ad Angera e da più di dieci anni seguo in prima persona la vita amministrativa del comune. Ho insegnato lettere alla scuola media Luigi Einaudi fino a dieci anni fa quando l’impegno politico è diventato un lavoro a tempo pieno».
 

Che cosa di Angera le piace di più?
«Certamente il paesaggio e la collocazione sul lago. E poi l’aspetto umano. Avendo insegnato così a lungo ho visto crescere i miei alunni, conosciuto i loro genitori e costruito un legame con molte persone, un rapporto che nel tempo è rimasto vivo. A questo si è aggiunta l’esperienza nell’amminsitrazione. Posso dire che per me Angera è come una famiglia allargata».
 

Come si è avvicinata alla politica?
«Ho iniziato entrando in contatto con persone che si occupavano di amministrazione più che di politica vera e propria. Ho fatto alcune esperienze nelle commissioni, sono stata consigliere di minoranza durante l’amministrazione Banfi e poi, con la vittoria della lista Per Angera, ho iniziato il mio impegno in giunta come vice sindaco. I primi cinque anni sono stata assessore alle politiche sociali, nel secondo mandato anche all’istruzione e alla cultura».
 

Come descrive il suo gruppo?
«È il risultato di questi dieci anni di lavoro. I candidati consiglieri sono infatti solo una parte del gruppo che si è formato durante questo percorso. In molti ci hanno seguito, con loro abbiamo parlato di idee e proposte. In lista è presente anche l’attuale sindaco, Vittorio Ponti, insieme a volti nuovi.  Persone con competenze diverse e provenienti da esperienze diverse».
 

Quali sono le linee generali del suo programma?
«Abbiamo un grosso progetto strategico per Angera. L’idea è quella di risistemare completamente l’ampia area che parte da piazzale Volta e prosegue lungo via Soldani e via Pertini. In riva al lago sorgerà una nuova marina che risponderà a caratteristiche architettoniche precise. Il campo da calcio sarà spostato e verrà creato uno spazio per gli sport all’aperto come tennis, basket, pallavolo, pattinaggio. Saranno individuati nuovi spazi verdi e la passeggiata che abbiamo realizzato sul lungolago proseguirà anche in tutta quest’area, sarà ricavato inoltre un passaggio ciclabile e pedonale. Un altro spazio sarà adibito al mercato alimentare e sarà infine allestita una tensostruttura coperta. Vogliamo che questo diventi un nuovo cuore per la città, un luogo di ritrovo anche per i giovani. Anche la zona della ex Sgim (la Magnesia) sarà ridisegnata: il Pgt ha definito soltanto una parte come residenziale e la restante a destinazione socio assistenziale. Infine dobbiamo sciogliere il nodo della viabilità verso l’ospedale». Scarica il programma dettagliato
 

Ora qualche opinione su alcuni argomenti che i cittadini angeresi ci hanno segnalato attraverso Facebook, mail e interviste.

1. La squadra dei canottieri segnala l’inadeguatezza della sede – «Nel progetto di cui parlavo è stata identificata un’area per gli sport all’aperto e in quello spazio una parte sarà dedicata esclusivamente alla squadra di canottaggio di Angera con strutture adeguate».
 

2. Alcuni componenti delle associazioni vorrebbero maggiore coordinamento – «Vogliamo andare incontro alle associazioni e mantenere vivo il dialogo con loro. Tra i vari interventi in questo senso è stata decisa anche la destinazione di una delle due sale appena ristrutturate e nuovamente arredate nel complesso dell’edificio del museo archeologico, la sala Tampin».
 

3. In molti sognano una città più turistica – «Nel nostro programma abbiamo previsto l’istituzione di un ufficio turistico permanente, sia per la distribuzione di materiale informativo che per la promozione di eventi e la raccolta di contatti. Sarà attivo dunque sia durante l’estate che durante l’inverno e si coordinerà con l’ufficio cultura. Abbiamo inoltre avviato una collaborazione con il comune di Arona per la promozione di eventi in comune e per istituire del collegamenti serali da una sponda all’altra coinvolgendo la navigazione dei laghi. Vogliamo infine dare continuità alle iniziative collettive coinvolgendo le associazioni».
 

4. Commercianti e cittadini chiedono proposte per via Mario Greppi – «Abbiamo contattato i proprietari dei negozi chiusi per favorire l’apertura di vetrine espositive. Stiamo poi facendo da coordinamento per l’assegnazione dei fondi regionali previsti nei programmi dei distretti del commercio. Questo potrebbe rappresentare un aiuto economico per tutti i commercianti che vogliono risistemare gli esterni delle proprie strutture e renderle più accoglienti».
 

5. Le frazioni vorrebbero essere coinvolte e considerate maggiormente – «Mi piace parlare con le persone e nelle frazioni occorre riprendere il dialogo con gli abitanti. Per farlo si deve essere presenti sul territorio. È un impegno che prendo con tutti i cittadini».
 

Leggi altre news su Angera e segui anche su Facebook gli articoli sulle elezioni

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 maggio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.