Massimo Bossi incassa il sostegno dei Pensionati

Il candidato dei pensionati Luca Gnocchi firmerà l'apparentamento. Intanto la campagna elettorale riparte con i manifesti sugli aiuti alle parrocchie

"200mila euro per le parrocchie". A dispetto dei toni accesi dei primi giorni di campagna per il ballottaggio, Massimo Bossi e il PdL ricalibrano la strategia e scelgono di usare uno slogan che guarda al mondo cattolico. I manifesti sono comparsi in vari punti della città, a fianco di quelli più battaglieri che invitano (come le 500 elettorali, a sinistra) a non lasciare la città alla sinistra e che rivendicano la scelta dei gallaratesi per il centrodestra, sommando la percentuale dei voti raccolti da Massimo Bossi a quella per Giovanna Bianchi. Il messaggio è ripetuto anche sui volantini predisposti per questa settimana verso il voto: "al primo turno il 65% sceglie le liste di centrodestra", accompagnato però dai simboli dei partiti della coalizione guidata dal PdL (che hanno preso il 33,5%), suscitando le proteste di Libertà per Gallarate.

Intanto Massimo Bossi ha incassato l’appoggio dei Pensionati Massimo Bossi e Nino Caianiello hanno trattato con il candidato sindaco dei Pensionati e alla fine Luca Gnocchi farà un apparentamento formale, come scelta di chiarezza: «All’inizio non sapevamo come muoverci, per rispetto allo 0,80% di gallaratesi che ci ha votato abbiamo ascoltato tutti e alla fine abbiamo scelto Bossi». Gnocchi dice di aver avuto garanzie sui punti del sociale che aveva a cuore e critica Guenzani e il centrosinistra, «ci sembra che prima avessero un atteggiamento di un certo tipo, dopo le elezioni sono tornati ad avere un certo atteggiamento che è della sinistra che conosciamo».
 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 maggio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.