Milano, in casa della destra due settimane per fare quadrato

Le reazioni di Pdl e Lega dopo lo shock del ballottaggio con Pisapia in vantaggio

guido podestà«Mi auguro che non ci sia una radicalizzazione, ma che si vada a parlare dei problemi che interessano le persone». Chi parla è il presidente della Provincia di Milano Guido Podestà, del Pdl, dopo la doccia fredda causata dall’exploit di Pisapia, che andrà al ballottaggio con un dato quasi sicuramente vicino al 48% contro il 42 di Milano.
«Dobbiamo saper tornare a dialogare con le persone», ha detto Podestà.
Ma in serata, quando le urne non erano ancora ferme, arrivano anche altri commenti in casa centrodestra. In particolare i riflettori sono puntati ora sulla Lega, per la quale hanno parlato due big, Calderoli e Castelli. «Giocheremo il roberto calderolisecondo tempo, cercando di vincere. Per quanto ci riguarda, è stata fatta una campagna elettorale al massimo delle nostre possibilità, questa accusa di esserci poco impegnati a Milano non esiste proprio», ha detto il viceministro Castelli, mentre secondo Calderoli: «No, non me lo aspettavo, per questo motivo lo consideriamo anomalo».
«Non bisogna mai piangere sul latte versato – ha aggiunto Calderoli a proposito di Milano – ma bisogna guardare avanti per cercare di vincere».
raffaele cattaneoNel complesso, per la Lega, il dirigente del Carroccio ha abbozzato questa sera in conferenza stampa un bilancio positivo in termini di numero dei sindaci espressione del movimento, «più i vari ballottaggi per i quali – ha concluso – ci impegneremo». Si romperà l’alleanza con la Lega? Una domanda da un milione, ma per alcuni commentatori, quanto accaduto a Milano deve essere uno sprone a cercare la mediazione col carroccio, proprio come dice l’assessore regionale Raffaele Cattaneo commentando le elezioni varesine: «Mi sembra che queste elezioni ci dicano che dobbiamo ascoltare di più la voce dei nostri elettori che ci vogliono uniti noi e la Lega. Credo che il Pdl vada meglio quando è un partito piu di incontro che di scontro, e lo dico pensando a quanto é accaduto a Milano».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 maggio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.