Ministeri a Milano, lite Pdl Lega

Il presidente del consiglio regionale Boni (LN): “Qualcuno sta giocando per non vincere”. Valentini: “Lega partito leninista”

davide boniPiù che scintille falò, tra Lega e Pdl, che si accendono all’interno della maggioranza in Regione a pochi giorni dal voto. I protagonisti sono il presidente del consiglio regionale Davide Boni e il consigliere regionale Paolo Valentini, quota Cl, vicinissimo al governatore Roberto Formigoni. Parte in quarta in serata Davide Boni, dopo la discesa in piazza di Umberto Bossi, a Milano per remare a favore della Moratti: «Invece di continuare ad andare sui giornali bisogna andare in giro a fare campagna elettorale, come oggi ha fatto tutta la Lega in via Farini a sostegno di Letizia Moratti: dov’erano loro? Qui qualcuno sta giocando per non vincere».
Boni, numero uno del Consiglio regionale della Lombardia ha riservato queste parole al termine di un appuntamento elettorale con Umberto Bossi e Roberto paolo valentiniCalderoli, commentando gli interventi del governatore Roberto Formigoni e del capogruppo Pdl Paolo Valentini sulla questione dello spostamento dei ministeri a Milano. Secondo Formigoni, infatti: «Spostare uno o due Ministeri al Nord qualche vantaggio lo porterebbe. Ma mi sembra molto complesso da realizzare. E poi non è la richiesta più pressante dei nostri imprenditori e dei nostri ceti produttivi». A rincarare la dose il suo capogruppo in egione, appunto, Paolo Valentini: «Da quanti anni la Lega promette lo spostamento dei ministeri al Nord? Sono parecchi e la Lega nulla ha realizzato e anche in questi giorni non c’è un solo ministro che si sia schierato a favore dello spostamento del proprio ministero. E quattro ore fa, i capigruppo pdl, Cicchitto e Gasparri, hanno detto ufficialmente di no alla proposta leghista. Con quali voti la Lega pensa di realizzare il suo disegno? È dunque la Lega Nord che farebbe meglio a tacere evitando di prendere in giro gli elettori di Milano». Apriti cielo.
«Noi non prendiamo in giro nessuno – ha replicato alle loro parole Boni -, ma facciamo campagna elettorale. Non è possibile che questi continuino ad attaccare la Lega perché il problema non è la Lega ma portare a votare la Moratti. Comunque sappiano che noi parliamo solo con Berlusconi e non con i portatori d’acqua»
La replica, durissima, non si fa attendere in serata per bocca di Paolo Valentini, che dirama questa nota: «Caro Boni, l’idea che tu parli con Berlusconi non fa neanche ridere come barzelletta, al massimo Berlusconi l’hai visto in foto. Quanto poi al fatto di come sono organizzati i nostri partiti, sappiamo che la Lega è un partito leninista al quadrato, il Pdl invece è un partito democratico.
Ecco perché anche queste elezioni il Pdl ha preso più del doppio dei voti
della Lega ed ecco perché i nostri, spontaneamente, senza bisogno di alcun ordine stanno facendo campagna elettorale non solo a Milano, ma ovunque si voti».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 maggio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.