Operazione Comocuore: 60 nuovi defibrillatori sulle ambulanze

Grazie all'operazione avviata dall'associazione Comocuore con Intesa san Paolo, sono stati raccolti 100.000 euro necessari per completare le dotazioni delle ambulanze 118

Sessanta defibrillatori saranno istallati sulle ambulanze della Lombardia grazie al progetto “100 Defibrillatori per la Lombardia”, promosso dall’associazione Comocuore in collaborazione con Intesa san Paolo.

Grazie ai fondi raccolti con la vendita delle noci presso la quasi totalità degli sportelli bancari di Intesa San Paolo della regione Lombardia, nel giro di pochi mesi il budget di 100 mila euro che Comocuore si era prefissa di raggiungere nell’ambito del più ampio progetto “Atuttocuore” è stato raggiunto, quindi l’operazione può considerarsi conclusa e l’11 maggio gli apparecchi saranno consegnati alle Centrali Operative delle province lombarde nel corso di una cerimonia che si terrà a Como presso la sede della Banca.

L’ultimo tassello dell’ ambizioso progetto è stato infatti l’accordo preso con “AREU”, l’Azienda Regionale Emergenza Urgenza. Grazie a questa intesa i defibrillatori andranno a colmare una lacuna esistente: saranno infatti installati su quelle ambulanze che, allo stato, sono ancora sprovviste di queste preziose apparecchiature determinanti per salvare le persone colpite da infarto cardiaco. I defibrillatori saranno consegnati alle Centrali Operative 118 sulla base delle necessità segnalate. Il progetto è stato realizzato con la collaborazione di Laerdal e Noberasco.

La morte cardiaca improvvisa è una delle cause principali di mortalità. Ogni anno un abitante su 1000 viene colpito da arresto cardiaco. In Italia è causa di morte per circa 60000 abitanti/anno. Il 95% dei pazienti colpiti da arresto cardiaco improvviso non sopravvive. Il defibrillatore rappresenta lo strumento più adatto ed efficace per un pronto intervento, tanto che le nuove disposizioni di legge consentono l’uso di tali apparecchiature in ambienti non medici. Il defibrillatore semi-automatico esterno (DAE) rappresenta l’unico strumento in grado di salvare la vita di una persona colpita da arresto cardiaco. Le probabilità di intervenire con successo sono legate all’immediata disponibilità dell’apparecchio (è fondamentale intervenire entro 6-7 minuti dall’arresto cardiaco) e di una persona che sappia usarlo correttamente. Attraverso l’applicazione di elettrodi adesivi sul paziente, l’apparecchio analizza il ritmo cardiaco e suggerisce se attivare o meno la scarica. Se il ritmo analizzato è defibrillabile, il DAE impartisce lo shock elettrico, con la possibilità di far “ripartire” il cuore fermo a causa della fibrillazione ventricolare. I defibrillatori di ultima generazione sono tecnologicamente all’avanguardia, e in grado di riconoscere la patologia senza possibilità d’errore. Un breve e semplice corso consente a chiunque di utilizzarlo.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 maggio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.