Presa la “gazza ladra”, ha rubato nelle gioiellerie di mezza Italia

La donna, residente a Rimini, aveva rubato un rotolo di bracciali d'oro spacciandosi per una cliente in una gioielleria della città ma aveva messo a segno già diversi colpi in altre province italiane

In manette la "gazza ladra", il terrore delle oreficerie di mezza Italia. Nel pomeriggio del 2 maggio, la Squadra Mobile di Varese ha proceduto all’arresto di Donatella Minguzzi , di anni 46, romagnola, colpita da una ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Varese per il reato di furto con destrezza.  Il 29 maggio 2010, presso una gioielleria di Malnate, una donna, fingendosi cliente, riuscì abilmente a distrarre la commessa ed a impadronirsi di un rotolo di panno per oreficeria contenente più di 50 bracciali in oro per un valore commerciale superiore ai 20.000 euro.  La Squadra Mobile, sulla base delle immagini estrapolate dal circuito di video sorveglianza interno alla gioielleria e delle risultanze di indagini su altri furti commessi con modalità analoghe, è riuscita ad identificare l’autrice del furto in Minguzzi Donatella di anni 46, pluripregiudicata per furti della stessa specie.

Si tratta di una vera professionista del furto, autrice di “colpi” in molte province italiane.
La donna, dopo capillari ricerche sul territorio nazionale, è stata individuata all’interno di una casa prefabbricata ubicata nella periferia di Rimini. Nel pomeriggio del 2 maggio, a conclusione di un servizio di osservazione svolto in collaborazione con la Squadra Mobile di Rimini, la donna è stata riconosciuta e tratta in arresto mentre rientrava presso la propria abitazione. Su disposizione del dr.Politi, P.M. della Procura della Repubblica di Varese, titolare delle indagini, la donna è stata associata presso la Casa Circondariale di Forlì.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 maggio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.