Pro Patria e Varesina promosse in A1 a braccetto

I bustocchi vincono il campionato e tornano nella massima serie dopo dieci anni. Biancorossi secondi e saliti a propria volta

Finisce in trionfo il campionato di Serie A2 di ginnastica artistica maschile per i colori provinciali. Sul gradino più alto del podio sale infatti la Pro Patria Bustese, con Nicola Bartolini, Ludovico Edalli, Filippo Landini e Stefano Rossini che indossano sul petto le magliette celebrative con la scritta "I bustocchi son tornati", visto che da dieci anni la società biancoblu mancava dalla massima divisione. Ma accanto a loro, sul podio, fanno festa anche i ragazzi della Varesina che nella quarta e ultima tappa a Firenze chiudono terzi e confermano il secondo posto in classifica generale, che permette ai biancorossi essere promossi in A1 al pari dei "cugini".
Notevole la prova della Pro Patria del presidente Vadalà e dei tecnici Oudalov e Scala che anche al "Mandela Forum" di Firenze hanno mostrato tutte le proprie qualità, dopo un avvio non troppo brillante. Edalli ha però avviato la rimonta e a fine giornata la Pro ha trionfato con 47 punti speciali nella classifica di tappa. Alle loro spalle si è acceso il duello tra Varesina e Ginnastica Ferrara, un testa a testa vinto dai romagnoli (39 punti speciali a 35) che però è servito ai biancorossi a mantenere la seconda posizione generale che è valsa la A1.
Raggiante il presidente bustocco Vadalà: «Ho seguito tutta la gara in piedi per scaramanzia e ha funzionato. Questo risultato è il segnale di una società sana e di un gruppo di ragazzi eccezionali che lavorano con impegno».
Serie A2 maschile – Classifica finale: Pro Patria Bustese 172; Soc. Varesina Ginnastica e scherma 153; Palestra Ginnastica Ferrara 152.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 maggio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.