Rissa e violenza in piazza Repubblica, un arresto

Nella serata di ieri, mercoledì 25 maggio, intorno alle 22.30, un cittadino tunisino è stato arrestato per violenza, resistenza, lesioni aggravate e minacce a Pubblico Ufficiale

Rissa e arresto in piazza Repubblica. Nella serata di ieri, mercoledì 25 maggio, intorno alle 22.30, un cittadino tunisino è stato arrestato per violenza, resistenza, lesioni aggravate e minacce a Pubblico Ufficiale. I fatti sono riassunti dalla Polizia di Stato: la squadra volante della Polizia è intervenuta in piazza Repubblica in ausilio al personale delle Guardie Ecologiche, aggredito da alcuni cittadini extracomunitari. Sul posto i suddetti vigilanti hanno indicato agli agenti l’autore dell’aggressione, il quale alla vista degli agenti tentava la fuga. L’uomo, un cittadino tunisino di 32 anni, immediatamente raggiunto dagli agenti, ha reagito scagliandosi addosso agli operatori e minacciandoli. Altro personale della volante e della Polizia Ferroviaria ha provveduto a far allontanare altri extracomunitari sopraggiunti sul posto. Uno di questi, un cittadino tunisino di 30 anni è stato poi denunciato per atti contrari alla pubblica decenza dalle Guardie ecologiche, che l’avevano precedente sorpreso ad urinare nella piazza. Il tunisino, evidentemente ubriaco e forse drogato, ha rifiutato di fornire i propri documenti e all’invito di seguire gli agenti in Questura. L’uomo ha cercato di autolesionarsi colpendo anche tre operatori. Viste le condizioni psicofisiche del nordafricano e l’estrema violenza e aggressività, al fine di preservare la sua incolumità fisica si richiedeva l’intervento di personale medico che decideva di accompagnarlo in ospedale, dove il continuo stato di agitazione costringeva i medici a sedarlo. Nella notte è stato sottoposto ad osservazione. L’uomo con numerosi precedenti di polizia a carico per lesioni personali, furto e reati inerenti l’immigrazione clandestina, dopo aver informato il magistrato di turno, è stato arrestato per violenza, resistenza, lesioni aggravate e minacce a Pubblico Ufficiale e sono in corso le procedure per l’espulsione.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 maggio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.