Scudetto Primavera, la Juventus sulla strada del Varese

I Mangia Boys pescano dall'urna i bianconeri: appuntamento a Pistoia il 5 giugno. Chi passa trova la vincente di Atalanta-Fiorentina. Il commento di Mangia e Scapini

Si è svolto oggi, venerdì 20 maggio a Montecatini Terme, il sorteggio per stabilire il tabellone delle finali scudetto del campionato Primavera ed è quindi ufficiale il primo ostacolo per il Varese verso il tricolore: domenica 5 giugno, a Pistoia, sarà la Juventus di Giovanni Bucaro a giocarsi contro i biancorossi l’accesso alla semifinale. Le squadre si affronteranno per la quarta volta, dopo l’amichevole giocata a dicembre, chiusa sul 2-0 per i biancorossi, e le due gare ufficiali al Torneo di Viareggio e al Torneo di Piacenza: in Toscana finì – difficile dimenticarlo – 4-2 per il Varese, in Emilia 2-1 per i bianconeri. La vincente della sfida incontrerà poi, nella parte destra del tabellone, una tra Atalanta e Fiorentina, mentre nella parte sinistra si incroceranno le vincenti di Roma-Milan e Genoa-Lazio.
Nel commentare il sorteggio Devis Mangia non cambia stile, mantendo il profilo umile che ha fin qui fatto la fortuna sua e della squadra, e accetta il verdetto: «Non sono contento né scontento di aver pescato la Juventus. Ci sono sette favorite e una che, in quel giro, “non centra nulla”. Durante la diretta del sorteggio si è parlato di tutte le squadre tranne che di una e qualcuno dà già come sicura la semifinale tra Juventus e Fiorentina: va bene, siamo gli ultimi arrivati ed è giusto così; noi comunque non ci poniamo neanche il problema, siamo tranquilli». Sarà un vantaggio o uno svantaggio averli già incontrati? «Nelle partite ufficiali siamo pari – continua il tecnico biancorosso – ma quei risultati non contano nulla: è tutto nuovo, sarà una partita diversa, impossibile fare paragoni. Noi affronteremo la gara con grande serenità: ci giochiamo tutte le nostre possibilità e poi vediamo cosa succede». La Primavera sta, nel frattempo, continuando a lavorare in allenamento senza alcun carico di lavoro particolare dal punto di vista atletico: Mangia reputa ottimo il lavoro svolto durante l’anno dai ragazzi che non hanno quindi bisogno di interventi mirati per recuperare la forma fisica. Chi invece sta cercando di recuperare a tutti i costi per le finali scudetto è Rivaldinho Ferreira che, al momento, sta ancora lavorando a parte: le sue possibilità di esserci sono ancora da valutare. Piccolo acciacco per Wagner (distorsione alla caviglia, in via di guarigione), rientra invece a tutti gli effetti in gruppo Maio. Alla squadra si sono poi riaggregati oggi Barberis e Bianchetti, impegnati con l’Under 18 in due amichevoli contro la nazionale albanese, mentre è ancora in azzurro Pompilio, che sta preparando gli Europei under 19 agli ordini di Daniele Zoratto.

giorgio scapini giovanili varese calcioTornando al sorteggio, anche Giorgio Scapini – responsabile del settore giovanile del Varese – accetta il verdetto delle urne: «Visto il lotto delle partecipanti non si poteva certo sperare di trovare una sfida “facile”: a questo livello una vale l’altra. Certo è che la Juventus è squadra di grande blasone e qualità: è una sfida molto stimolante ma, ripeto, qualsiasi gara sarebbe stata tale». I bianconeri avranno il dente avvelenato dal ko a Viareggio: «Forse quel precedente complica un po’ le cose – conferma Scapini –: avranno grande voglia di rivincita, che comunque in parte si sono presi al torneo di Piacenza. È un’ottima squadra e probabilmente potrà schierare anche giocatori importanti che si sono distinti in prima squadra: ci aspettiamo una Juventus tirata a lucido, ma noi ci siamo e vogliamo che il sogno vada avanti». Purtroppo si verificheranno sovrapposizioni tra le Finali Scudetto e i playoff della Prima squadra: «La speranza nostra e dei dirigenti della prima squadra è di non vederci mai – scherza Scapini –, significherebbe che il cammino delle due squadre sta andando avanti come vogliamo che accada. In effetti questa sovrapposizione potrebbe creare qualche problema. Il caso principale riguarda De Luca: le decisioni saranno prese rispetto alle necessità del momento. La prima squadra ha comunque la priorità, e noi ci adatteremo: in qualunque caso venderemo cara la pelle per arrivare fino in fondo».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 maggio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.