Tremonti: “A Lugano più società di Cayman che residenti”

Il ministro stronca la direttiva Ue sulla tassazione dei risparmi: «è scritta dalla Svizzera; non è stata la Svizzera ad entrare in Europa, ma l'Europa a entrare in Svizzera»

tremonti contro la svizzera e la politica fiscale dell'ueIl ministro dell’economia Giulio Tremonti torna a criticare la Svizzera e la politica fiscale dell’Unione Europea. Nel corso della riunione dei ventisette ministri dell’Econfin, a Bruxelles, ha commentato duramente la direttiva sulla tassazione dei risparmi. La stroncatura del responsabile dell’economia si rifà in particolare alla mancanza di sanzioni per le banche e gli altri operatori, soprattutto svizzeri, che violano le disposizioni permettendo ad esempio il deposito di capitali nei paradisi fiscali. «Ci sono più società di Cayman a Lugano, che non a Cayman e comunque ci sono più società di Cayman a Lugano, di residenti a Lugano» ha detto inoltre riferendosi al Canton Ticino.  «È scandaloso – ha poi aggiunto –  che nella direttiva sulla tassazione dei redditi da risparmio non siano previste sanzioni, per questa ragione non mi sento di esprimere una valutazione positiva su quella che è una quasi direttiva». Per il ministro italiano, che ha minacciato il ricorso alla Corte di giustizia europea, la direttiva è «scritta dalla Svizzera; non è stata la Svizzera ad entrare in Europa, ma l’Europa a entrare in Svizzera».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 maggio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.