Varese Investimenti entra nel capitale della Arioli Spa

La holding di partecipazione partecipa con una quota del 10%, all’investimento di 6 milioni di euro deciso già a dicembre dal Fondo Italiano. Insieme avranno il 33% del capitale dell'azienda

Varese Investimenti Spa affianca il Fondo Italiano d’Investimento nel capitale della Arioli Spa, azienda di Gerenzano leader nella produzione di macchinari per il finissaggio tessile.
Fondo Italiano d’Investimento è nato un anno fa su iniziativa di Confindustria, Abi, Ministero dell’Economia, Cassa Depositi e Prestiti; Intesa Sanpaolo, Unicredit e Gruppo MPS per rilanciare la spina dorsale del sistema manifatturiero nazionale; Varese Investimenti Spa è la holding costituita quattro anni fa dagli imprenditori associati all’Unione degli Industriali della Provincia di Varese e da Intesa Sanpaolo per finanziare la crescita delle Pmi del territorio. Due realtà che condividono l’obiettivo di appoggiare le strategie di sviluppo delle piccole e medie imprese acquisendone quote di partecipazione.

Varese Investimenti Spa entrerà così nel capitale della Arioli Spa, partecipando, con una quota del 10%, all’investimento di 6 milioni di euro deciso già a dicembre dal Fondo Italiano, con le stesse modalità: in parte sottoscrivendo azioni della società di Gerenzano, in parte con la sottoscrizione di un prestito obbligazionario convertibile. Fondo Italiano di Investimenti e Varese Investimenti avranno insieme il 33% del capitale della Arioli

Lo scopo è quello di sostenere il progetto di crescita dell’Arioli Spa che ha intenzione di ampliare il proprio business con una strategia di acquisizione di altre imprese. Con un giro d’affari, nel 2010, pari a 12,3 milioni di euro, la Arioli Spa è una realtà produttiva di 35 dipendenti che ha saputo superare la difficile congiuntura grazie anche al suo posizionamento nella fascia tecnologica alta del comparto. Caratteristica che garantisce a questa Pmi del territorio una leadership mondiale tra i produttori di macchine per l’industria del finissaggio tessile.

«Il fatto che prima il Fondo Italiano d’Investimento e oggi una realtà come Varese Investimenti abbiano creduto nel nostro progetto, sostenendolo con nuove risorse finanziarie – dichiara Carmelo Zocco, amministratore delegati di Arioli Spa – è il concreto riconoscimento del lavoro portato avanti in questi anni dalla nostra azienda. Abbiamo saputo attrarre su di noi importanti investimenti nazionali e locali con i quali saremo in grado nel prossimo futuro di portare avanti quella strategia di espansione che è il miglior modo per uscire da una congiuntura difficile».

«Questa nuova iniziativa – commenta il consigliere delegato di Varese Investimenti Spa, Giovanni Frigieri – conferma il ruolo che la nostra holding di partecipazione ha voluto crearsi nella crescita del tessuto manifatturiero locale fatto soprattutto di Pmi. Un ruolo che si basa su una visione innovativa della finanza al servizio delle imprese, con risorse messe a disposizione dagli stessi imprenditori del territorio che vogliono, insieme a Intesa Sanpaolo, sostenere le strategie di crescita di altri imprenditori». Con l’Arioli Spa, Varese Investimenti Spa porta a compimento la sua terza operazione, dopo quelle che hanno riguardato la Gemelli Spa (settore aerospazio) ed Ellamp Spa (allestimenti di interni per autobus, treni, tram e metrò).
«La sintesi sul territorio varesino di questa operazione a favore di una Pmi eccellente del nostro sistema manifatturiero – commenta il presidente dell’Unione Industriali, Michele Graglia - è che due operatori finanziari innovativi nati a supporto delle piccole e medie imprese, guardano nella stessa direzione, sapendo creare sinergie positive».
«L’ingresso in Arioli a fianco del Fondo Italiano di Investimento rappresenta la conferma del ruolo di Varese Investimenti nel territorio di riferimento- conclude Giovanni Ferrari della direzione merchant banking di Intesa Sanpaolo-. Varese Investimenti prosegue nell’attività di investimento per costruire un portafoglio di partecipazioni per una corretta politica di diversificazione del rischio».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 maggio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.