Via alla Coppa del Mondo con sei atleti varesini

A Monaco di Baviera via alla stagione internazionale. Luini punta nel podio; con lui Frattini, Calabrese, Bertolasi, Di Battista e Franzetti

Sei varesini per fare bene e, già che ci siamo, per rafforzare quella candidatura iridata che sulle rive della Schiranna inizia a diventare una priorità per il futuro. Scatta oggi a Monaco di Baviera la Coppa del Mondo di canottaggio con la classica prima prova in terra tedesca e i remi nostrani non staranno certo a guardare.
Il "capostipite" resta Elia Luini, il peso leggero che sarà di nuovo in lizza nel doppio con il toscano Lorenzo Bertini; il forte gaviratese ha già vinto a Monaco e dovrà guardarsi soprattutto dagli iridati inglesi e dai rientranti danesi ma il duo azzurro ha fondate speranze di medaglia.
Sempre in campo maschile sarà in acqua Pierpaolo Frattini, rigenerato dall’argento mondiale nel "due con" in Nuova Zelanda e ora imbarcato su uno dei tre "doppio senior" portati in Baviera dalla nazionale azzurra. Con lui ci sarà il cremonese Cagna e l’impressione è che i primi rivali siano proprio gli altri armi tricolori.
In campo femminile si guarda già al futuro, perché i colori nostrani saranno tenuti alti dalle giovani Sara Bertolasi (varesina in forza alla Lario) e Valentina Calabrese (Gavirate). Bertolasi è stata la prima a scendere tra le corsie insieme alla compagna di club Claudia Wurzel nel due senza femminile, specialità con diverse barche di alto livello. Le due azzurre non sono andate bene in batteria (5e) e affidano ai recuperi le possibilità di fare strada. Calabrese (nella foto) invece sarà impegnata sul giovanissimo "quattro di coppia" femminile insieme a Colombo, Schiavone e Sancassani. Inghilterra super-favorita, con tedesche e ucraine a puntare al podio.
Per quanto riguarda le specialità paralimpiche dell’adaptive rowing, occhi puntati soprattutto sul "quattro con" dove sono impegnati Mahila Di Battista e il timoniere Alessandro Franzetti, ambedue della Canottieri Gavirate. La barca del ct Paola Grizzetti ha chiuso al terzo posto la batteria e dovrà anch’essa passare dai recuperi, ma le speranze di podio rimangono intatte.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 maggio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.